SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

77º anniversario dell'insurrezione di Varsavia

Il 77° anniversario dell'insurrezione di Varsavia è stato sottolineato dal concerto dei canti patriottici e dal suono della campana "Maria Madre di Dio" al Santuario Mariano di Licheń Stary.

Dopo che la somma meridionale è terminata, ca. 13:15, il concerto è iniziato Canzoni patriottichej nella performance Del Santuario Brass Quintet.

„Marsz, marsz Polonia”, „Wojenko, wojenko” czy „Szara piechota”, to tylko niektóre z utworów, jakie mieliśmy okazję usłyszeć podczas koncertu Sanktuaryjnego Kwintetu Dętego z okazji 77. Rocznicy wybuchu Powstania Warszawskiego.
Domenica 1 agosto, dopo la messa di mezzogiorno, si è svolto nella basilica di Licheń un concerto di canti patriottici eseguito da diplomati e studenti delle Accademie di musica di Poznań, Łódź e Bydgoszcz.

„Chociaż tyle w świecie miast,
Più del cielo di stelle.
Il tempo scorre magnificamente qui,
Varsavia è la più vicina al cuore".

To słowa „Poloneza Warszawskiego”, którego dźwięki wypełniały licheńską świątynię. Wśród prezentowanych utworów znalazła się także dobrze znana piosenka „O mój rozmarynie” – w ludowych wierzeniach, rozmaryn jawi się jako symbol miłości i wierności. Kwiat ofiarowany dziewczynie przez żołnierza podczas rozstania był znakiem nadziei na koniec wojny i szczęśliwy powrót do ukochanej.

Sanctuary Wind Quintet

La squadra era composta da:
Maciej Gwóźdź (tromba, fondatore del Sanctuary Brass Quintet),
Piotr Żurek (tromba),
Piotr Ostrowski (tuba),
Mateusz Olszewski (batteria),
Łucja Pawlak (trombone),
Hubert Wrochna (trombone).

A sua volta, dopo la Messa. a. 16.00, esattamente alle 17.00, nel 77° anniversario dello scoppio della Rivolta di Varsavia, la campana più grande della Polonia suonò a Licheń - "Maria Madre di Dio". In questo modo, il santuario di Licheń commemora i ribelli caduti.

La rivolta di Varsavia scoppiò il 1 agosto 1944 alle 17:00 (Ora "W"). Le battaglie armate furono combattute a Varsavia fino al 2 ottobre. Per 63 giorni, gli insorti hanno condotto una lotta solitaria e impari contro l'occupante tedesco. La popolazione civile della capitale ha preso parte attiva alla lotta, subendo enormi perdite. La battaglia di Varsavia ha provocato la distruzione della città, la morte di circa 150.000. le persone. Adolf Hitler, informato dello scoppio della Rivolta, diede l'ordine: “Ogni abitante dovrebbe essere ucciso, nessun prigioniero può essere preso. Varsavia va rasa al suolo e si crea così un esempio intimidatorio per tutta l'Europa”.

La rivolta per le successive generazioni di polacchi divenne un simbolo di coraggio ed eroismo nella lotta per l'indipendenza.

Monumento agli insorti di Varsavia / Licheń

Condividi il post