SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Hai ricevuto gratuitamente, dai gratuitamente

- Cristo ci sceglie volontari, ci dà forza e dice: "Vai e guarisci" - ha detto p. Michał Popowski MSF durante la Santa Messa. di ringraziamento per il servizio dei volontari nell'Ospizio di S. Stanisław Papczyński a Licheń.

Nella Giornata Internazionale del Volontariato, il 5 dicembre, nella Chiesa di S. Dorota al Santuario di Nostra Signora di Licheń, i volontari dell'ospizio hanno ringraziato per essere stati chiamati a servire altre persone e hanno pregato per un rapido ritorno al contatto con i pazienti, che è stato impedito dalla pandemia. - Cristo dice: "la messe è abbondante, ma gli operai sono pochi". E sceglie le persone, gli apostoli. Lui sceglie te, sceglie noi e dice: "Vai e guarisci". Oggi non possiamo entrare nell'ospizio e realizzarci come volontari lì, ma non smettiamo di essere volontari quando usciamo dall'ospizio. Il desiderio di servizio è dentro di noi. Li realizziamo nelle nostre case, tra amici - ha detto p. Michał Popowski MSF, alumni prefetto del Seminario Maggiore dei Missionari della Sacra Famiglia a Kazimierz Bishop.

Małgorzata Skoczylas-Błaszczyk, residente a Licheń e insegnante presso la ZS CKU di Konin, è diventata volontaria presso l'ospizio un anno e mezzo fa. - Sono maturato per il volontariato da molto tempo. Durante una pandemia, cerco di farmi coinvolgere in un modo diverso, recentemente abbiamo piantato narcisi con gli studenti durante una campagna di hospice. Vogliamo fare qualcosa per l'ospizio, tutti hanno un po' di bontà. È più divertente da dare. Io do una volta e multipli tornano. Abbiamo una vita piena di bontà, c'è qualcosa di cui essere grati - dice Małgosia.

I chierici di Kazimierz Biskupi visitano l'ospizio di Licheń ogni martedì. - È un'esperienza molto arricchente per noi. Incontriamo Cristo nell'uomo sofferente. Questo servizio ci rafforza e ci rafforza. La apprezzo molto e mi piace venire all'ospizio per stare con altre persone. Certifichiamo attraverso varie azioni, incl. pellegrinaggi di volontari dal Lichen al monastero di Kazimierz - racconta il seminarista Jakub Dziurgot.

Dopo l'Eucaristia, i volontari sono stati ringraziati per il loro sacrificio da Urszula Kulig, la coordinatrice del volontariato presso l'ospizio di Licheń. - Sono molto felice di vederti. A nome di tutto il team dell'ospizio, vogliamo ringraziarvi dal profondo del cuore per il vostro servizio quest'anno. Grazie per il vostro amore, la vostra preghiera e la vostra cura. Per le dichiarazioni che non vedi l'ora di tornare in ospizio. Anche noi attendiamo con impazienza la tua presenza in mezzo a noi. Ti auguriamo di aprire il tuo cuore alla potenza di Dio in modo che tu abbia la forza di servire. Che non dubiti mai che il tuo ministero sia privo di significato. Siete molto necessari, il momento difficile della pandemia ha dimostrato che il vostro posto nell'ospizio è insostituibile. Vi aspettiamo - ha detto Urszula Kulig e ha regalato ai volontari del pan di zenzero, donato dagli studenti della Scuola Secondaria di primo grado n. 2 di Konin.

Condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
X