SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Mostre permanenti

Storia del museo e della collezione

Il tema principale di questa sala è la figura del fondatore e ideatore del museo - p. Józef Jarzebowski. Qui puoi conoscere la storia della collezione e della raccolta delle collezioni, nonché la biografia di p. Joseph. Le foto d'archivio di Bielany vicino a Varsavia, degli anni '20, di Santa Rosa (Messico) degli anni '40, sono un interessante supplemento a questa storia. Bauli e valigie e una mappa del mondo con il percorso segnato di p. Józef Jarzębowski negli anni 1939-1953 mostra la realtà della vita errante del nostro patrono durante la seconda guerra mondiale.

Commonwealth della nobiltà

La collezione presenta il destino della Prima Repubblica Polacca (dalla metà del XV secolo al 1795). La repubblica chiamata nobiltà non era omogenea, era composta da molte nazioni che avevano le proprie regole di concessione e riconoscimento della nobiltà. In questa stanza vi presentiamo, tra gli altri fasce kontusz, documenti reali, incluso un documento di nobilitazione per Franciszek Raczkowski, autografi di hetman polacchi, elementi di armatura, proiettili di ussaro, incluso un cappello. Una bella fila di cavalli del 1700, o una preziosa collezione di armi da taglio del XVI e XVII secolo, tra cui la commozione cerebrale dell'ussaro completamente conservata della seconda metà del XVI secolo L'angolo riferito alla cultura della Turchia e della Persia mostra il fascino dei nostri antenati per ciò che è orientale, soprattutto dopo la vittoriosa battaglia di Vienna. (le vetrine mostrano borse turche e persiane, elmo, sciabole, cintura, scudi).

Strade verso l'indipendenza

Nella stanza Roads to Independence, vedrai souvenir legati alla lotta dei polacchi per una patria sovrana. La collezione è divisa in diversi segmenti che mostrano, tra gli altri Costituzione del 3 maggio, Rivolta di Kościuszko (autografo di Tadeusz Kościuszko), Rivolta di novembre (orologio di Patek, gioielli patriottici, autografo di Józef Poniatowski), Rivolta di gennaio (occhiali di Romuald Traugutt, sigillo del governo nazionale), fino alla seconda guerra mondiale (divise, elmetti, uniformi a righe ), periodo tra le due guerre, per la maglietta in cui morì Romek Strzałkowski nel 1956.

sala mostre temporanee

Organizziamo mostre legate ad importanti ricorrenze in questa sala. La collezione del museo è molto ricca, le collezioni comprendono, tra le altre vecchie stampe, manoscritti di scrittori polacchi, una collezione di sciabole, fasce kontusz, souvenir di rivolte nazionali, autografi di re polacchi e hetman. La varietà della collezione dimostra il grande interesse di p. Józef Jarzębowski e i suoi successori. Ogni anno prepariamo almeno una nuova mostra.

La volta del vecchio libro

Una visita a questa sala è l'occasione per vedere incunaboli, antiche stampe o libri manoscritti. Qui potete vedere il "Comune incliti Poloniae Regni privolegium constitutionem" scritto da Jan Łaski (1456-1531), il cosiddetto "Statuti di Jan Łaski", emessi a Cracovia, nella tipografia di Jan Haller, 1506, così come "La vita di S. Stanisław Biskup ”scritto da Jan Długosz (1415-1480). Le sue dimensioni attirano l'attenzione sul "Libro degli Inni e dei Salmi", il manoscritto, il codice pergamenaceo scritto da Francisco e Brandelio, a Roma, nel 1750. Vale anche la pena prestare attenzione a tre Bibbie - Leopolites del 1577, Brzeska detta anche Radzwiłłowska dal 1563 e Jakub Wujek dal 1599.

Galleria d'arte religiosa

La mostra in questa sala è una collezione di arte sacra proveniente dalla collezione del museo. Le mostre mostrano il rapporto tra la storia della vita religiosa e spirituale e l'arte. La pittura è principalmente copie di grandi maestri, incl. Leonardo da Vinci, Pietro Perugino, Francesco Raibolini, Peter Paul Rubens. Degne di nota sono anche sculture del XVIII e XIX secolo, dell'ambito della cultura spagnola, tessuti (tra cui una casula del XVI/XVII secolo), ostensori e Maria raffigurata come Bambino in una culla della Maison Raffl di Parigi.

Galleria grafica e disegni

La grafica include tecniche che consentono di duplicare un disegno su carta o tessuto da un modulo precedentemente preparato. La nostra collezione di grafici e disegni è stata costruita in successione sin dall'inizio del museo. Comprende opere di molti eminenti grafici italiani, olandesi, francesi, tedeschi e polacchi, tra cui Rembrandt, Jan Piotr Norblin, Daniel Chodowiecki, Lukas Vorsterman, Cornelis Galle, Stefano della Belli e Federico Baroccia. Disegni incl. Jan Matejko, Henryk Siemiradzki, Józef Brandt.  

Selettori generici
Solo corrispondenze esatte
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
IN LINEA
CALENDARIO

maj , 2022

X