SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

STORIA DEL MUSEO

1925 - 1939

È iniziato con alcune vecchie monete, alcune vecchie mappe e un autografo...
K. Ujejski...

    Questo è ciò che p. Józef Jarzębowski (1897-1964), che fu mandato a lavorare lì. Svolgendovi lì, oltre alle attività didattiche, occupandosi anche del laboratorio umanistico, gli venne l'idea di istituire un museo scolastico.
    Grazie al favore dei superiori e alla grande passione del parroco, vi si creò in pochi anni una collezione estremamente preziosa. Soprattutto la raccolta sulla rivolta di gennaio è diventata una delle principali fonti di conoscenza degli eventi del 1863/4.

Monastero dei Padri Mariani, Bielany, anni '30

1939 -1950

    Costretto a lasciare Bielany nei primi giorni di settembre 1939, per volere dei suoi superiori, lasciò Varsavia e si recò presso la casa mariana di Druya. Nel suo peregrinare portò con sé la cimelia - tra cui i cimeli di Traugutt - e affidò parte della collezione ai suoi amici. Raggiunse solo Vilnius, perché allo stesso tempo la Lituania era occupata dai sovietici. Durante la ricerca, ha indossato gli occhiali di Traugutt e così li ha salvati. Temendo l'ulteriore destino, nel giugno 1940 decise di consegnare le collezioni sottratte alla declinante posta diplomatica della Santa Sede con la richiesta di inviarle ulteriormente al Museo Polacco di Chicago come deposito.
    Con i souvenir più preziosi ha lasciato attraverso l'Unione Sovietica, il Giappone (anche mentre aspettava un visto per gli Stati Uniti, ha usato il tempo per comprare le infradito) e gli Stati Uniti in Messico nel novembre 1943.
    Per sette anni al Centro per i rifugiati polacchi di Santa Rosa, e poi all'orfanotrofio per bambini polacchi di Tlalpan, è stato allo stesso tempo cappellano, preside di un ginnasio, insegnante, squadra di scouting, senza rinunciare alla sua passione di collezionista .

FR. Jarzębowski con il suo allievo Julian Wojtkowski, Santa Rosa, metà secolo L. 40. XX sec.

1950 - 2006

      Dopo più di un decennio di peregrinazioni, il creatore della collezione raggiunse la Gran Bretagna, dove - dopo tre anni di lavoro a Hereford - su sua iniziativa, nell'ottobre 1953, fu acquistata la tenuta di Fawley Court vicino a Londra e nel 1954 il College of Divine La Misericordia fu trasferita lì, dove fu nuovamente sede del museo.
    La base della rinnovata mostra erano i reperti da te raccolti durante la guerra. Tra questi c'erano la polonica, oltre a manufatti provenienti dal Giappone e dal Messico, e acquistati tramite contatti con collezionisti privati e antiquari (tra cui Emeryk Hutten-Czapski a Roma, Leon Dr. Truszkowski a Parigi, il colonnello Tadeusz Rudnicki e il dottor Kilian a Nowe York e Londra e Ludwik Gocel da Cracovia).
    Nel senso della missione di salvare il patrimonio nazionale, la raccolta di reperti dispersi durante la guerra dal museo di Bielany è stata avviata (legalmente e ufficiosamente), perché l'istituzione dell'ordine di Yalta nell'Europa centrale e orientale aveva infranto la speranza di un rapido ritorno a una patria libera. Le mostre di Bielany, giunte in Inghilterra dalla fine degli anni Cinquanta, tornano gradualmente a costituire l'ossatura della collezione del museo e della biblioteca.

The Road to Independence Hall, Fawley Court, L. 70,80. XX secolo

    Le numerose donazioni che arricchiscono la collezione sono dominate da cimeli personali, testimonianze della lotta dei polacchi sui fronti della seconda guerra mondiale, documenti e cimeli legati alla vita dell'emigrazione polacca in Occidente e alla lotta per l'indipendenza dei polacchi nel 1939-1945 e 1945-1989. Particolarmente degna di nota è la t-shirt in cui morì tragicamente Romek Strzałkowski, donata dalla madre nel 1960; cimeli e documenti del generale Józef Haller, con il quale p. Jarzębowski, donato da suo figlio Eryk Haller - tra questi un anello con un'iscrizione incisa: "Gdańsk 02/10/1920 Puck" (il generale ha ricevuto due di questi anelli da Józef Wybicki per conto della diaspora polacca a Danzica per sposare la Polonia con il Mar Baltico. Un anello fu gettato in mare. a Puck il 10 febbraio 1920, indossò il secondo in memoria del matrimonio del generale Haller al dito fino alla sua morte). Ci furono anche due grandi donazioni di armi bianche: nel 1966, il colonnello polacco Witold Buchowski (tra i suoi pezzi più preziosi ci sono sciabole del XVI e prima metà del XVII secolo), e nel 1985 l'ing. Zygmunt Stanisław Ipohorski-Lenkiewicz dall'Europa, dall'Asia e dall'Africa, una collezione di diverse centinaia di oggetti, presenta la ricchezza delle arti decorative e dell'artigianato.

 

     Dopo la morte di p. Jarzębowski Il 13 settembre 1964, la cura del Museo fu assunta dal Rev. Paweł Jasiński (1922-2003) e poi superiori della Casa Religiosa in Inghilterra. Nel 2002, p. Wojciech Jasiński e Barbara Lejczak sono diventati il nuovo curatore.
    Nel 1979, il Museo è diventato uno dei membri fondatori della conferenza permanente dei musei, delle biblioteche e degli archivi polacchi in Occidente. Nel 1982 il museo è stato registrato e aperto ai visitatori.
   C'è stato anche un momento di organizzazione, catalogazione ed elaborazione delle collezioni. Viene creata la prima guida a Fawley Court in polacco di Adolf Jacewicz. Su iniziativa di Maria Danilewicz-Zielińska, la catalogazione di documenti e stampe antiche, precedentemente organizzata da p. Piotr Miros. Dal 1997, studenti e laureati in storia dell'arte dell'Università Cattolica di Lublino lavorano all'organizzazione delle collezioni d'arte, alla catalogazione e al nuovo allestimento della mostra. Anche i dipendenti del Museo centrale dei tessuti di Łódź hanno partecipato ai lavori sulla raccolta dei tessuti. Nel 2000, il museo ha avviato una collaborazione con la Biblioteca Nazionale di Varsavia al fine di organizzare e creare un catalogo completo della collezione di libri del museo, inclusi manoscritti, stampe antiche, documenti, volantini e riviste del XIX secolo. Grazie all'aiuto della Biblioteca e dello sponsor - Stamperia di Sicurezza, è stata possibile anche la conservazione dei manoscritti più preziosi. Negli anni successivi sono proseguite le attività legate all'organizzazione della raccolta e sono stati avviati i lavori di ammodernamento della struttura.

2007 - 2010

    L'Inghilterra doveva essere solo una tappa sulla strada per la Polonia. Sogni di numerosi emigrati di guerra, tra cui p. Jarzębowski, sul ritorno in una patria libera non si è avverato. Fu solo con la diminuzione del numero degli studenti che la scuola fu chiusa (nel 1986), e quando il costo della vita aumentò in modo sproporzionato rispetto alla capacità finanziaria della Casa Religiosa, che coincise anche con il calo dell'interesse del museo, si decise vendere il palazzo e trasferire la collezione a Licheń per dar loro la possibilità di ulteriori esposizioni per un numero sproporzionatamente maggiore di visitatori.
    Qui ha ricevuto il nome del suo fondatore in quanto continuazione del Museo presso il Ginnasio della Congregazione dei Padri Mariani a Bielany a Varsavia e il Collegio della Divina Misericordia a Fawley Court in Gran Bretagna, istituito nel 1925.
    La collezione è composta da diverse migliaia di reperti che costituiscono un insieme unico di oggetti. È una specie di registro della storia e della cultura polacca fatta di polonica sparsi per il mondo, e il suo destino è una specie di ciondolo della turbolenta storia della Polonia.

Sala "Vie per l'Indipendenza", Licheń, X secolo, XXI secolo

    2 luglio 2010 è stata aperta una mostra permanente. A quel tempo, Wojciech Luchowski era il custode del museo. Oltre a lei, vengono ancora organizzate mostre per commemorare anniversari di eventi storici nazionali, grandi personaggi della storia e della cultura polacca, nonostante siano stati abbandonati i vernissage di Pentecoste. Il museo, che ha rapidamente superato le esigenze della scuola ed è sopravvissuto alla sua chiusura, continua a svolgere attività didattica, senza trascurare la divulgazione e lo studio scientifico delle collezioni costantemente ampliate.

 

X