SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Lodate Dio con il lavoro - la memoria di S. Giuseppe l'artigiano

Riuniti nella basilica di Licheń, hanno pregato il 1° maggio, durante la Santa Messa. A. 12, in particolare per le persone che lavorano e cercano lavoro e per quelle che rischiano di perdere il lavoro a causa della pandemia.

Se il lavoro diventa un idolo, accumuleremo molto, ma perderemo il nostro rapporto con Dio, la vita eterna e la vita dei nostri cari. Vale la pena considerare il lavoro come parte della nostra vita che serve il bene della nostra famiglia, ma non appropriandosi di tutto... Siamo connessi con Dio non solo quando veniamo al tempio o preghiamo, ma anche quando lavoriamo. Il lavoro può glorificare Dio, servire la famiglia e le altre persone.

Fr. Janusz Kumala, MIC, 1 maggio 2021
Fr. Janusz Kumala, MIC durante l'omelia, 1 maggio 2021.

Nell'omelia di p. Janusz Kumala, MIC, custode del santuario dei licheni, che ha presieduto l'Eucaristia, ha ricordato la figura di S. Józefa: fu falegname, artigiano, costruttore. Lavorò il legno e la pietra e insegnò a Gesù il suo mestiere. - Cosa significa questo nel contesto della nostra vita? - ha sollecitato la riflessione il curatore del santuario. - Il lavoro è un'area importante della nostra vita, quindi dovremmo scoprire il significato del nostro lavoro come parte del piano di Dio. Il lavoro è cooperazione con Dio Creatore, è servire il nostro bene - ha sottolineato p. Kumala. Ha spiegato che lo scopo del lavoro non è solo quello di pagare, anche se lo stipendio dovrebbe essere dignitoso, ma di aiutare a costruire una relazione con Dio. 

Condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
X