SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Solennità di Gesù Cristo, Re dell'Universo al Santuario di Nostra Signora di Licheń

In occasione dell'odierna celebrazione di Gesù Cristo, Re dell'Universo, presso il Santuario di Nostra Signora di Licheń è stato rinnovato l'Atto di Dedicazione della Famiglia Umana a Cristo Re. È anche festa patronale del servizio liturgico dell'altare.

Messa Solenne nella Solennità di Gesù Cristo, Re dell'Universo, 21 novembre 2021.
Durante la Santa Messa alle 12.00 celebrato davanti all'immagine miracolosa della Madonna del Lichene, p. Janusz Kumala, MIC, il curatore del santuario dei licheni, ci ha incoraggiato a guardare a Gesù Cristo come il Re, non solo dell'universo, ma anche il re del nostro cuore. Ha indicato tre atteggiamenti che dobbiamo seguire nella nostra vita cristiana. Il primo è l'atteggiamento di scelta consapevole di Gesù Cristo come Re della nostra vita.
 
- “Puoi accettare Gesù Cristo come Re. Questo si realizza in noi attraverso il battesimo, perché allora facciamo un'alleanza con Lui. Da quel momento in poi, siamo parte del suo regno. Tuttavia, è anche necessario scegliere consapevolmente Gesù come Re. Lo si fa attraverso la nostra conversione, attraverso la scelta consapevole di scegliere Cristo come Re della nostra vita».
 
Il secondo atteggiamento, secondo il curatore, che caratterizza chi ha scelto Cristo come Re è l'atteggiamento di ascolto.
- “La domanda che sorge è: chi sto ascoltando? Cristo è il mio re o qualcun altro? Pertanto, dobbiamo guardare con attenzione e prudenza alla nostra vita, e anche a Colui che ha la parola di vita: Gesù Cristo. Solo la sua parola può indicare la retta via, illuminarci nei momenti di dubbio, nel buio, solo essa può rafforzarci”.
 
L'atteggiamento di servizio è stato indicato come il terzo. - “Verso Gesù bisogna assumere l'atteggiamento del servo. Come? Vederlo negli altri, attraverso la cura del prossimo. Il nostro Re, Gesù Cristo, è presente negli ingannati, perduti e in ricerca. Possiamo guardare agli immigrati che cercano un posto sicuro sulla terra. Non penso solo a coloro che oggi si trovano al confine polacco-bielorusso, ma ai milioni di altri che subiscono persecuzioni nel mondo. Dobbiamo guardare non attraverso gli occhi dei politici, ma attraverso gli occhi di coloro che cercano aiuto. Il bisognoso è colui che ha bisogno e cerca l'amore. Se voglio servire un'altra persona con cui Cristo si identifica, allora dovrei guardarla con amore».
 
Concludendo le considerazioni di p. Kumala ha incoraggiato le persone a servire altre persone a imitazione della Madre di Dio. - “Ci guidi ogni giorno a trovare la pace del cuore e la gioia nella vita, che è tanto più bella quanto più amore c'è in essa. Non abbiamo paura di accettare Gesù Cristo come il Re della nostra vita».
 
Prima della conclusione della Santa Messa solenne, p. Janusz Kumala, MIC, ha letto l'Atto di dedicazione della famiglia umana a Cristo Re.
Durante l'Eucaristia odierna, S. Cecilia, patrona degli organisti e della musica sacra, la cui celebrazione si tiene lunedì 22 novembre. In relazione a quanto sopra, auguri al coro della basilica dei licheni "Stabat Mater", che ha aggiunto splendore alla somma domenicale, il curatore ha augurato che «il canto a Dio sia fruttuoso, ti avvicini a Lui e porti molta gioia spirituale».
L'atto di dedicazione della famiglia umana a Cristo Re scarica qui

Condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
X