SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Domenica della Resurrezione - L'amore ha vinto la morte

Durante l'Eucaristia risorgiamo dalla nostra debolezza, dal peccato e dalla morte. Siamo pieni dell'amore di Dio e dello Spirito Santo, acquisendo così la forza per dimorare nella nostra vita quotidiana e terrena, affinché alla fine possiamo risorgere alla pienezza della vita per sempre

La domenica di Pasqua la Chiesa esulta per la risurrezione di Cristo: «Dio, oggi per mezzo del tuo Figlio hai vinto la morte e ci hai aperto le porte della vita eterna, celebriamo la risurrezione del Signore, siamo rinnovati dallo Spirito Santo e risorgere a una vita nuova nella luce”.
La Santa Messa principale nella basilica di Licheń è stata celebrata da p. Janusz Kumala, MIC, curatore del santuario. Nell'omelia, il curatore ha parlato dei Mariani - sacerdoti Nicholas e Anatoly, che servono a Kharkiv. “Sono rimasti con le persone che servono”, ha detto p. Mikołaj Bieliczewo per la Radio Vaticana:
“Dio resta con noi, fa grandi miracoli. Quello di cui abbiamo bisogno ci viene da persone molto diverse. Si preoccupa. L'apertura delle persone è strana. Ecco perché questa città è ancora viva. Oggi siamo nella stessa situazione degli apostoli dopo la morte di Gesù. C'è una speranza, ma una risurrezione... non è oggi (...) siamo come discepoli che non hanno ancora incontrato Gesù
Risurrezione. Sentiamo che è risorto, ma non abbiamo ancora toccato le sue piaghe. Da una parte sperimentiamo questa gioia, perché Dio opera, dà segni potenti. E celebreremo perché Gesù è veramente risorto. Ma c'è ancora molta strada da fare".
Cristo è risorto dai morti! Egli "ha vinto la morte" e "ha aperto le porte del cielo" per noi perché "possiamo essere rinnovati dallo Spirito Santo e risorgere a una nuova vita nella luce" (dalla colletta).

Incontrare Cristo è sperimentare che Egli vive. Gesù è nella Chiesa. È in noi ed è per noi. Non è solo una consuetudine che veniamo in Chiesa per la Santa Messa. È stato così dall'inizio. I primi cristiani si sono radunati la domenica per spezzare il pane, nonostante le difficoltà e le persecuzioni. La Chiesa vive perché Cristo è vivo e presente

“La solennità di oggi, evento che stiamo vivendo nella Chiesa, racconta questo cammino: la risurrezione di Gesù. Che cos'è per noi? Su quale strada ci conduce il Risorto?" - Fr. Kumala ha incoraggiato a porre queste domande.
“Incontrare Cristo è sperimentare che Egli vive. Gesù è nella Chiesa. È in noi ed è per noi. Non è solo una consuetudine che veniamo in Chiesa per la Santa Messa. È stato così dall'inizio. I primi cristiani si sono radunati la domenica per spezzare il pane, nonostante le difficoltà e le persecuzioni. La Chiesa vive perché Cristo è vivo e presente».
Riferendosi alla situazione che possiamo osservare nel mondo, il curatore ha detto: “Non ci sono tombe dalle quali Cristo non ci farebbe uscire. Questa è la nostra speranza. È così che possiamo guardare alle situazioni che conosciamo da casa, alla situazione nel mondo. In questa occasione celebriamo la vittoria dell'amore sul male”, ha aggiunto, incoraggiandoci a vedere l'enormità del male che sta attorno alla luce del bene e a credere che ha sempre l'ultima parola, vincerà sempre il male. Secondo il celebrante, lo possiamo notare ora anche in Polonia, dove in reazione alla guerra attraverso il confine orientale è stato liberato molto bene e sostegno. "Questo è l'amore, la vittoria del bene" - ha sottolineato.
Testo e foto: Ufficio Stampa Santuario

Condividi il post