SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Santuario
Vista dal ponte di osservazione della Chiesa di Nostra Signora di Częstochowa

Santuario Mariano di Licheń - luogo di incontro con Cristo e sua Madre, luogo di rinascita spirituale, ma anche di riposo fisico ed emotivo, da soli o con la famiglia e gli amici. Un luogo dove Dio parla durante le liturgie, i ritiri, e attraverso la bellezza della natura, attraverso persone pronte ad aiutare quando incontriamo le difficoltà della vita. Un luogo dove incontrare cultura e storia. Si tratta di un'area di quasi cento ettari.

È impossibile discutere il tema del "Santuario" in un breve testo; non è facile, per quanto sommario, presentare in poche frasi i suoi vari aspetti. La ragione di ciò è la ricchezza di eventi che hanno avuto luogo negli ultimi duecento anni. Tutti i momenti importanti della storia della Polonia nel XIX e XX secolo hanno lasciato il segno anche nella storia di questo luogo. Il santuario è l'apparizione della Madonna nel 1850 Foresta di Grąblin. È più di un secolo e mezzo di preghiere di milioni di persone davanti all'immagine della Signora dei Licheni. È un momento difficile dell'occupazione nazista, la cui testimonianza è la scia trafitta dai proiettili di una pistola in Cappella della Croce, gli anni difficili del comunismo, il coronamento meravigliosa foto dal Primate Wyszyński nel 1967, costruzione Golgota dalle pietre portate dai pellegrini da tutta la Polonia, e infine la costruzione basilica (1994-2004), dove nell'altare maggiore si trova la miracolosa tela della Madonna dei Licheni, l'Addolorata Regina di Polonia. 

L'icona mostra la Madre Addolorata con una corona sul capo, che stringe al cuore un'aquila bianca, proprio come avveniva durante le apparizioni. "Donna, ecco tuo figlio... Ecco tua madre" - queste parole che Cristo, morente, rivolse a Maria e al suo discepolo Giovanni (che oggi rivolge a ciascuno di noi) si possono ascoltare spesso nella basilica . La Signora dei Licheni è venuta dal cielo più di un secolo e mezzo fa per ricordarci ciò che è più importante nella vita. Anche oggi - come prima, alle nozze di Cana - ci dice: "fate quello che vi dice mio Figlio".

Chiesa di ns. Dorothy, vista dal ponte di osservazione della Chiesa di Nostra Signora di Częstochowa

Il santuario è anche una parrocchia situata su una collina di licheni chiesa di s. Dorothy; fu in esso per quasi un secolo e mezzo che vi fu un miracoloso dipinto. Nelle vicinanze si trova primavera.

Quando si scrive di storia recente, vale la pena ricordare due eventi eccezionali. Il 6-8 giugno 1999, sacerdoti mariani, ospiti del santuario, hanno ospitato S. Giovanni Paolo II. Il frutto immediato di questa visita è Licheń Centro di Aiuto per Famiglie e Tossicodipendenti. Durante la stagione dei pellegrinaggi è possibile visitare appartamenti papali dove abitava il Santo Padre. In risposta alle esigenze dei pellegrini, i Mariani organizzano vari tipi di attività presso il Santuario ritiro.

La seconda celebrazione importante (i Padri Mariani l'aspettavano da trecento anni) è stata la sua beatificazione Padre Stanisław Papczyński - il fondatore della Congregazione dei Padri Mariani, fatta a Licheń il 16 settembre 2007 dal cardinale Tarcisio Bertone. In segno di gratitudine a Dio per la glorificazione degli altari del beato. Stanislao, i Mariani aprono il santuario ospizio per i malati terminali nella fase terminale della malattia.

Un interessante incontro con la storia della Polonia è garantito da una visita alla basilica inaugurata nel 2010. Museo di FR. Józef Jarzębowski. Ci sono le poloniche, raccolte in tutto il mondo, che poi sono tornate in Polonia dopo molti decenni.
Il Santuario di Licheń è un luogo importante per molte persone. Per coloro che si sono aperti all'amore di Dio proprio qui, si sono fidati di Lui e Lo hanno invitato nella loro vita. Per coloro che hanno trovato un senso, hanno ricevuto la grazia di risorgere dalla caduta, uscire dalla “palude”, speranza e forza che scaturiscono dalla croce di Cristo, forza per vivere con dignità. Le descrizioni di alcune testimonianze si trovano nel "Libro delle Grazie".

IN LINEA
CALENDARIO

Novembre 2021

Clicca sull'immagine per ingrandirla
X