SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Meraviglioso dipinto

L'immagine della Madonna di Licheń giunse nel paese di Liche nel 1836 da Częstochowa. Tomasz Kłossowski, un fabbro di Izabelin, lo portò a casa sua da un santuario lungo la strada a Lgota. Dopo una grave malattia nel 1844, collocò il dipinto in una cappella di legno e lo appese a un pino lungo il sentiero che attraversa la foresta da Grąblin a Lichen. Era qui che pregava spesso il pastore Mikołaj Sikatka.

W licheńskim sanktuarium spotykamy Maryję – najpiękniejszą – aby uczyć się spotykania ludzi i dostrzegania w nich piękna Boga. Oznacza to, że mamy zachwycać się ludźmi i okazywać im miłość. Troska o innych ma być owocem miłości do Boga i Maryi

Il dipinto della Madonna di Licheń è una copia dell'immagine della Madonna di Rokitno (diocesi di Gorzów), realizzata alla fine del XVIII secolo, il dipinto è stato dipinto con colori ad olio su una piccola tavola di larice: 9,5 cm larghezza e 15,5 cm di altezza 1965/1966 fino a 12 × 22 cm). Le dimensioni indicano che è stato realizzato per motivi di pietà privata. Secondo le usanze dell'epoca, immagini simili venivano scattate in un lungo viaggio, in pellegrinaggio e in guerra.

Il dipinto mostra il volto di Maria, pieno di dolorosa riflessione e concentrazione. Da sotto le palpebre leggermente abbassate, occhi espressivi guardano l'Aquila Bianca posta sui suoi seni. Il capo è ricoperto da un velo che cade senza pieghe. Ha un filo di perle al collo. C'è una corona sul capo della Madre di Dio, e sull'orlo della sua veste ci sono i segni della Passione del Signore. Nella parte inferiore dell'abito d'oro, la scritta "Regina di Polonia, dona pace ai nostri giorni". 

Tu, przy ołtarzu z cudownym wizerunkiem, codziennie zatrzymują się ludzie. W miesiącach letnich jest ich tysiące. Każdy przybywa, aby swoje życie przedstawić Maryi, aby z Jej pomocą otworzyć serca dla Boga. To przecież jest najważniejsze w spotkaniu z Matką, aby w Jej obecności spotkać się z Bogiem

Il messaggio del dipinto è eminentemente religioso e patriottico. L'Addolorata si china come Madre sulla Chiesa pellegrina su questa terra in mezzo alle difficoltà e alle contraddizioni. Come guida nel cammino della fede. L'immagine dell'Aquila Bianca conferisce al dipinto un carattere specifico e patriottico. La Regina Addolorata soffre con la nazione. La sua presenza come Madre e Regina è stata ed è particolarmente sentita nei periodi più dolorosi della storia della nazione polacca.

Selettori generici
Solo corrispondenze esatte
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Post Type Selectors
IN LINEA
CALENDARIO

luty, 2023