SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

In connessione con la celebrazione nazionale del giubileo del millennio del Battesimo della Polonia nel 1966, l'Episcopato Polacco ha inviato una richiesta a Papa Paolo VI per un decreto di incoronazione dell'Immagine Miracolosa di Nostra Signora di Licheń. Il Papa emanò un tale decreto e l'incoronazione fu fatta il 15 agosto 1967 dal Venerabile Servo di Dio, il Cardinale Stefan Wyszyński, il Primate di Polonia. La corona concessa dal decreto del papa è chiamata corona papale. All'incoronazione hanno partecipato oltre 20 vescovi, numerosi sacerdoti, religiosi e un gran numero di fedeli. Davanti alla chiesa di S. Dorothy, sulla destra, c'è un altare commemorativo dell'incoronazione che domina la piazza, dove in quel momento si radunavano circa 100.000 persone. La decisione di incoronare l'Immagine della Madonna del Lichene è stata presa a causa del culto dell'immagine dei fedeli.

Il mondo ha bisogno di una Madre! La madre di Gesù Cristo ha previsto l'anelito della famiglia umana e perciò ha cantato nel Magnificat: D'ora in poi tutte le nazioni mi chiameranno beata. È significativo che più le persone ora sembrano deviare da Dio, più Maria si mostra all'orizzonte del ventesimo secolo.

FR. Il Cardinale Stefan Wyszyński, Primate di Polonia, stralcio dell'omelia pronunciata durante la Santa Messa. incoronazione, 15 agosto 1967

Le cerimonie di incoronazione sono iniziate alle 11.30. Dopo che il dipinto fu posto sulla mensa dell'altare, p. Antoni Pawłowski, vescovo ordinario della diocesi di Włocławek, ad accogliere gli illustri ospiti, poi p. il canonico di Łasa lesse il decreto di incoronazione del Santo Padre. Paolo VI. Con il coro che canta "Rallegrati, regina, bella", i quattro incoronatori, vale a dire: p. Il cardinale Stefan Wyszyński, primate di Polonia, p. Mons. Antoni Pawłowski, p. L'arcivescovo Antoni Baraniak e p. Il vescovo Guglielmo Pluta, indossando mantello dorato, mitra e pastorale in mano, procedette a consacrare e incensare la corona papale. Quando la corona fu posta sulla santa Immagine, il solenne silenzio fu rotto dal magnifico squillo della tromba dell'orchestra, e una campana trionfante suonò dal campanile della chiesa.

Nel giorno dell'incoronazione dell'Immagine Miracolosa della Madonna di Licheń, il Primate di Polonia, il card. Stefan Wyszyński ha tenuto due sermoni. Il primo a messa. con la partecipazione dei giovani alle ore 10.00, presieduta da p. Vescovo Bogdan Sikorski di Płock, e l'altro durante la Santa Messa. alle 12.00 con la partecipazione di tutti i fedeli.

L'Incoronazione di Licheń fu un grande raduno religioso che superò tutti i precedenti e rese famoso il Santuario oltre le immediate vicinanze. I preparativi per la cerimonia dell'incoronazione hanno contribuito all'organizzazione dell'ambiente della chiesa e al suo adattamento all'accoglienza dei pellegrini. C'era allora una chiesa gravemente danneggiata su una bassa collina, con un piccolo presbiterio fatiscente. C'era anche una cappella completamente in rovina nel cimitero, mucchi di alberi in decomposizione, una staccionata marcia. Fino all'incoronazione, il lichene era conosciuto solo nella diocesi di Włocławek. Non appena l'Immagine Miracolosa fu incoronata, i pellegrini provenienti da tutta la Polonia e dall'estero iniziarono ad affluire al Santuario di Licheń.

Prima dell'incoronazione, il dipinto è stato messo in conservazione a Varsavia. L'abito d'argento che aveva nascosto gli elementi nazionali - l'aquila e l'iscrizione - è stato nascosto agli occhi dei poteri divisori dalla caduta della rivolta di gennaio. Alla Madonna è stata data una veste e una corona nuove. L'immagine è stata inserita in una cornice dorata con otto aquile polacche scolpite. Ci sono stemmi: papale, primate, mariano e lichene. Lo sfondo è rivestito di porpora reale.

In preparazione alla cerimonia, è stata compilata e diffusa tra molti fedeli la storia dell'Immagine famosa per le sue grazie. La distinzione dell'immagine con le corone papali era una sorta di sigillo dell'autorità ecclesiastica per il culto esistente a Licheń. Questo fatto può essere considerato come un riconoscimento indiretto da parte delle autorità ecclesiastiche delle apparizioni legate alla pittura locale. L'incoronazione apre una nuova tappa nella storia del Santuario.

X