SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Una solenne Messa di Mezzanotte nella Basilica di Nostra Signora di Licheń

Se Gesù trova un posto nei nostri cuori e nelle nostre case, la speranza, l'amore e la pace arriveranno a loro. Dio non viene mai a mani vuote. Stanotte si pone la domanda: voglio accettare Dio?

Santa Messa di Mezzanotte nella Basilica di Nostra Signora del Lichene, 24 dicembre 2021

Dio non viene mai all'uomo a mani vuote. Questa celebrazione ci è data ancora una volta per scoprire quanto siamo amati da Dio. I doni che Dio ci porta sono destinati a noi per condividere e cambiare il mondo

FR. Adam Stankiewicz, MIC, 24 dicembre 2021.
Per la prima volta i fedeli hanno potuto pregare presso il nuovo presepe di Betlemme nella navata della basilica occidentale del lichene, a sinistra dell'altare.
L'omelia è stata pronunciata da p. Adam Stankiewicz, MIC, vicecustode del santuario dei licheni:
“Mentre fissiamo la mangiatoia, Dio ci porta molti doni. Dio non viene mai all'uomo a mani vuote. Questa celebrazione ci è data ancora una volta per scoprire quanto siamo amati da Dio. Questi doni che Dio ci porta sono pensati per noi per condividerli e cambiare il mondo con loro ".
Più tardi, p. Stankiewicz ha indicato ciò che riceviamo dal neonato Gesù.
- “Il bambino Gesù porta la speranza che tanto ci manca. Soprattutto nel mondo di oggi. L'uomo oggi vive nella paura e nella paura. Vive in anticipo rispetto all'incertezza del domani. E il bambino nato a Betlemme dice: Io sono con te. Nonostante la tua paura, non ti lascerò solo.
Il sacerdote ha sottolineato che un cristiano è un uomo che fissa il cielo in attesa della venuta del Signore. Questa aspettativa è legata alla speranza.
Successivamente, p. Stankiewicz ha indicato il dono della speranza, che è una rassicurazione che tutto è possibile con Dio. - “Egli è colui per il quale nulla è impossibile. Gesù Bambino ci dà speranza e vuole che la portiamo nelle nostre case e nei nostri luoghi di lavoro”.
- “Quando fissiamo la mangiatoia, riceviamo un altro dono da essa: l'amore. Cerchiamo amore, vogliamo essere amati dagli altri. Quando non lo riceviamo, camminiamo nella tristezza. Nel Bambino Gesù Dio rivela il suo amore. Questo dono ci è dato perché possiamo credere che Dio ci ha dato suo Figlio, che l'amore è sceso dal cielo sulla terra. È amore disinteressato, libero, che si dimentica di sé. Lui è con noi. Non abbiamo nulla da temere, se riponiamo la nostra fiducia in Lui", ha sottolineato.
- “Se Gesù trova un posto nei nostri cuori e nelle nostre case, la speranza, l'amore e la pace verranno a loro. Dio non viene mai a mani vuote. Stanotte la domanda è se voglio prendere Dio sul serio. Gesù venne e i suoi non lo accolsero. Verrà, calmerà le tempeste dei nostri cuori, riempirà i nostri cuori di amore e ci farà testimoni della sua pace. Come fare – basta aprirgli il cuore, sull'esempio di Maria, di Giuseppe, dei pastori e di quanti hanno creduto in Lui” – ha concluso il Vicecustode.
Testo e foto: Ufficio Stampa Santuario

Condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
X