SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

“La morte - la porta della vita” - ritiro per i volontari dell'hospice

Volontari dell'Hospice da tutta la Polonia sono venuti al Santuario di Nostra Signora di Licheń per prepararsi al meglio al servizio dei malati incontrando Cristo e altre persone.

Ospizio per loro. st. Stanisław Papczyński a Licheń Stary

Sedici persone hanno approfondito la loro spiritualità attraverso la preghiera, l'adorazione del Santissimo Sacramento, la meditazione della Parola di Dio, ma si sono anche arricchite attraverso lo scambio di esperienze. - Gli ritiri sono un'occasione di rafforzamento e condivisione reciproca, per andare dai malati nelle loro comunità con nuovo entusiasmo e grazia - ha affermato p. Krzysztof Jagoda, MIC, cappellano dell'Ospizio st. Stanisław Papczyński al santuario di Licheń. FR. Jagoda ha condotto conferenze sul servizio ai malati sulla base delle dichiarazioni dei Padri della Chiesa e di S. Józef, patrono della buona morte. I ritirati hanno anche avuto l'opportunità di vedere il film su Bl. Chiara Luce Badano, morta di cancro e nonostante la giovane età, era ben preparata per incontrare Gesù.

Asia Borys di St. Callisto a Tychy ha ammesso che questi ritiri erano la lezione educativa di Dio per lei. Era costantemente accompagnata dal brano evangelico: "Chi ha orecchi, ascolti". - Ogni persona ha il suo grande valore, è figlio di Dio. Il malato che serviamo è importante e unico. Non importa se è gentile o no. Lo amiamo come se volessimo essere trattati noi stessi. Basta tenere la mano ed essere, è un momento speciale per il malato quando parte, e infatti inizia per lui una nuova vita. - ha condiviso. - Godiamoci la vita fino alla fine. La sofferenza è difficile, ma possiamo anche offrirla a Dio, soffrire con Cristo - convince il volontario.

Antoni Chudzikowski ha perso suo figlio, morto di leucemia all'età di 4 anni. È stato un trauma doloroso per mio padre. Anni dopo, ha trasportato il presidente dell'ospizio in un autobus e ha così partecipato a un corso di formazione sulla cura dei bambini malati di cancro. - Sono stato il primo uomo a fare volontariato all'ospizio di Tychy. Mi sono iscritta all'allenamento grazie a mio figlio - disse Antoni Chudzikowski.
I volontari sono venuti al ritiro anche dalla Slesia, da S. Padre Pio in Puck, dalla Casa Ospizio di S. Józef in Ostrów Wielkopolski. Al ritiro hanno partecipato anche i volontari dei licheni.

Se vuoi diventare un volontario nell'ospizio di Licheń, contatta Urszula Kulig, il coordinatore dei volontari: tel (63) 270-86-04 o 665-600-529; e-mail: hospicjum.wolontariat@lichen.pl 

Maggiori informazioni sull'ospizio di Licheń qui 

Testo e foto: Ufficio Stampa Santuario

Condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
X