SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

V Giornata Mondiale dei Poveri - apri gli occhi e il cuore

Il 14 novembre si è celebrata nel santuario di Licheń la V Giornata Mondiale dei Poveri. Lo slogan di questa giornata sono le parole del Vangelo di S. Hai sempre con te il marchio "i poveri" (Mc 14,7). Questa domenica è stata anche la Giornata della Solidarietà con la Chiesa perseguitata, il cui tema quest'anno è: "Solidarietà con il Libano!"

“Dal 1852 la Madonna dei Licheni ci abbraccia come Madre della Chiesa, Madre di ciascuno di noi, preoccupata per la bellezza della nostra vita, del nostro rapporto con Dio e con il prossimo. Affidiamo a Lei tutte le intenzioni con cui veniamo qui, abbracciamo tutta la Chiesa con la nostra preghiera” – ha incoraggiato il presidente della liturgia, p. Janusz Kumala, MIC, curatore del Santuario.

Durante il sum di mezzogiorno nella basilica, la gente ha pregato perché la Polonia e i polacchi ricordassero i valori cristiani che sono alla base della nostra identità. Hanno chiesto una soluzione pacifica della crisi al confine orientale. La preghiera è stata rivolta anche a coloro che sono stati perseguitati per la loro fede, che hanno subito l'ingiustizia sociale e per i cristiani in Libano.

“La Parola di oggi ci ricorda che la fine del mondo è vicina. Alcuni non consentono un tale pensiero, altri dissolvono le informazioni false e altri ancora si riuniscono in un gruppo ristretto credendo che solo loro saranno salvati. Che cosa stiamo facendo? Cosa stiamo facendo per guardare con speranza al futuro?" Ha chiesto il curatore del santuario.

“Possiamo trattare i segni della transitorietà in modo diverso. Non si tratta di cercare di tornare indietro nel tempo. L'umanità sulla terra ha il suo tempo. Verrà un giorno simile in cui diremo addio ai nostri cari, a questo mondo, per andare a Dio, quindi dovremmo pensare alla fine del mondo - ricordando l'intervento di Maria, che apparve nella foresta di licheni nel mezzo - diciannovesimo secolo, chiamandoci a guardare alla nostra stessa vita nella prospettiva dell'eternità e della varietà della vita. Il miracolo di questa trasformazione è una visione diversa di se stessi, del tempo e degli altri. Il risveglio è un ritorno a Dio, ha affermato p. Kumala, riferendosi alle letture della 33a domenica del tempo ordinario.

“La nostra riflessione è oggi verso i poveri. Questo giorno è per risvegliare la nostra coscienza, aprire i nostri occhi e il nostro cuore a coloro che hanno bisogno del nostro aiuto. Spesso concrete: pane, acqua, riparo…” – ha detto p. Kumala, ricordando la V Giornata Mondiale dei Poveri celebrata oggi. “Possiamo guardare alla povertà su due livelli: materiale e spirituale. Su quest'ultimo, sono più difficili da notare, eppure è più importante. Anche se qualcuno ha cibo, vestiti e non c'è Dio nel suo cuore, è un povero che ha bisogno di aiuto”- ha osservato il sacerdote, incoraggiandoci a guardare al nostro stesso rapporto con Dio.

“Ogni giorno non pensiamo ai nostri fratelli e sorelle che sono perseguitati nel mondo moderno per la loro fede in Dio. Attualmente sono perseguitati 290 milioni di cristiani. Le statistiche mostrano che nel mondo muore un cristiano ogni 3 minuti” – ha ricordato p. Kumala, chiedendo cosa fare. “Sosteneteli con la preghiera, ricordateli, perché abbiano la forza di perseverare nella fede in mezzo alle avversità. Puoi anche aiutare le chiese materialmente povere e i cristiani perseguitati nel mondo”.

Marianin nell'omelia ha fatto riferimento anche alla complicata situazione che si sta verificando nell'est del nostro Paese. “Le immagini dal confine bielorusso-polacco raggiungono ognuno di noi. Nessuno può dire che non ha visto, non sapeva. La domanda è cosa ho fatto date le circostanze. Possa io non sentire mai al Giudizio Universale: "Ero straniero e non mi avete ricevuto". Cerchiamo di portarlo nel nostro cuore, cioè guardiamolo con gentilezza, amore e sollecitudine. Circondiamoci di preghiera. Ognuno di noi può farlo. Dovremmo anche svegliarci in disaccordo con un mondo così diviso, in cui alcuni hanno tutto e altri non hanno nulla e guardano i loro figli morenti. La Terra è data a tutte le persone. Ognuno su di esso deve trovare la propria felicità. Cosa deve essere dovuto a qualcuno che non ha possibilità di apprendimento, di sviluppo e di una vita dignitosa, perché è nato in un paese povero. A volte dobbiamo pensarci. Non siamo soli su questa Terra. Dio lo ha dato a tutti e vuole che tutti siano felici”, ha detto p. il curatore, invitando a pregare per coloro che possono incidere su questa situazione, ad agire con amore nel tentativo di risolverla. “Non dobbiamo coprirci gli occhi, cedere alla propaganda, dobbiamo ascoltare Gesù, il Vangelo che ci chiama a fare il bene. Non ti permette di essere indifferente”.

Domenica prossima, 21 novembre, festa di Gesù Cristo, Re dell'Universo nella Basilica dei Licheni, dopo ogni Messa. Si reciterà l'Atto di Consacrazione del genere umano a Gesù Cristo, Re dell'Universo. È anche festa patronale del servizio liturgico, i sacerdoti mariani invitano a una messa solenne tutti coloro che un tempo erano chierichetti. a. 12.00.

Lichen Stary, 14 novembre 2021                                                                                                                                                                                                  

Condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
X