SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

La bellezza della vita familiare - l'inaugurazione dell'Anno della Famiglia Amoris laetitia (Gioia dell'amore)

Il 21 marzo il Santuario di Nostra Signora dei Lichen ha inaugurato la celebrazione dell'Anno della Famiglia Amoris Laetitia (Gioia dell'Amore). - Vogliamo annunciare la Buona Novella sulla bellezza della vita familiare - ha affermato p. Janusz Kumala, MIC, custode del santuario dei licheni. I partecipanti hanno affidato tutte le loro famiglie a Nostra Signora di Licheń e hanno pregato per le persone con sindrome di Down e per i loro tutori nella Giornata Mondiale della Sindrome di Down.

Il custode del santuario ha ricordato la reazione delle persone durante l'epidemia di colera nel 1852, hanno pregato davanti all'immagine miracolosa della Madonna di Licheń, apparsa al pastore Mikołaj Sikatka nella foresta di Grąblin. - Si percepisce il segno associato a questo luogo alla luce degli eventi di crisi di oggi. È importante che rispondiamo alla chiamata della Madonna all'incontro con Gesù, che è anche menzionata nel vangelo di oggi, ha detto il curatore. Ha sottolineato che la parola chiave oggi è "vogliamo" pronunciata dai greci nel Vangelo secondo S. John. - Cosa voglio dalla vita? Quali sono i miei sogni e su cosa sto lavorando? Cosa mi aspetto da Cristo? Non dovrebbe esserci il desiderio più grande nel profondo del mio cuore: incontrare Cristo, credere in Lui? - ha sollecitato p. Kumala.

In Quaresima, la liturgia invita alla trasformazione, in linea con il messaggio di Nostra Signora dei Licheni. Abbracciamo il pensiero che anche noi siamo invitati a incontrare e sperimentare Gesù. La risposta è vicina, Cristo si vede nel mistero dell'Eucaristia, in cui si rende presente l'ora della sua morte e risurrezione. La prendo come risposta di Gesù? Si scopre che non è facile sperimentare la potenza dell'Eucaristia, ha affermato il curatore del Santuario del Lichen.

Nel contesto dell'inizio dell'Anno della Famiglia, ci ha incoraggiato a vedere Gesù nella famiglia. In esso, scopri la sua presenza e sperimenta il suo amore attraverso l'amore reciproco. In casa l'altare è un tavolo in cucina, è un luogo simbolico di dialogo e di amore. E nel confessionale di famiglia, ogni situazione in cui diciamo "mi dispiace, ti prego perdonami". - Possiamo incontrare Cristo costantemente nella nostra vita quotidiana. Anche pregare per le persone con sindrome di Down, per le loro famiglie e per chi si prende cura di loro è un'opportunità per aprire gli occhi. A volte non vogliamo vederli e in Polonia ce ne sono circa 60.000. persone con sindrome di Down che imparano, lavorano, sognano e condividono la loro gioia. Sono il sorriso di Dio in un mondo immerso nei problemi. Circondiamoli di preghiera, in atteggiamento di accoglienza e di difesa della vita. Ogni vita dovrebbe essere accettata come un dono di Dio, anche richiedendo sacrificio. Questo è vero amore. "Gioia d'amore" è il titolo dell'Anno della Famiglia che stiamo vivendo, condividere questi valori è estremamente importante - ha affermato p. Janusz Kumala. 

Prima di impartire la benedizione di Dio, il sacerdote custode ha benedetto gli agnelli pasquali in preparazione alla Pasqua e come incoraggiamento a benedire il cibo. I rappresentanti delle famiglie si sono anche rifiutati di affidare le famiglie a Nostra Signora di Licheń.

Condividi il post