SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Incontri con un'icona a Licheń. Copertura del laboratorio di scrittura di icone

I laboratori di scrittura di icone si sono svolti per la terza volta quest'anno presso il Santuario di Nostra Signora di Licheń. Si tratta di 11 workshop nell'ambito degli incontri con l'icona organizzati a Licheń. Il tema dell'edizione in corso era il mandillion.

Mandylion, ovvero l'immagine di Cristo impressa sul foulard
Durante l'11° incontro con l'icona a Licheń, abbiamo scritto una presentazione del mandiglione, cioè l'immagine di Cristo impressa sul velo, che è considerata la prima icona non realizzata da mano umana, spiega l'ospite, Adam Zapora, artista, storico dell'arte, esperto di musei. Anche il grado di difficoltà dell'esecuzione ha influenzato la scelta del tema. - Ci sono molte persone qui che sono qui per la prima volta. Questo tipo è perfetto per loro per mettersi alla prova e imparare le basi - aggiunge l'artista.
Nazwa wywodzi się od późnogreckiego „mandilion”. Oznacza ręcznik, chustę. Bywa nazywany „Ikoną Ikon”. Stanowi jeden z najważniejszych wizerunków w chrześcijańskiej tradycji Kościoła Wschodniego.
La leggenda riportata da Eusebio di Cesarea è legata alla creazione di questo tipo di rappresentazione. Dopo che il re Abgar V, sovrano di Edessa, si ammalò di lebbra, mandò un servo da Gesù, chiedendogli di venire a guarirlo. Cristo, però, non poteva venire. Il re chiese all'inviato di dipingere un ritratto del Maestro in tal caso. È stato creato in modo straordinario. Il messaggero non era in grado di dipingere il quadro, così Cristo gli mise la sciarpa sul viso e su di essa fu creata la prima rappresentazione non umana del Salvatore. La sua contemplazione guarì il re.
I quattro giorni a Licheń consistono in: lezioni teoriche, conferenze sul laboratorio di scrittura dell'icona, anche sul tema di un incontro specifico, meditazione davanti all'icona, partecipazione a messe e laboratori. La signora Maria è venuta per la prima volta in bottega insieme alla sua amica pittrice. - Appena ho saputo dei workshop, volevo venire! Sono un principiante nella scrittura di icone. Questo è solo il mio quarto, e non ho ancora avuto Gesù. Qui iniziamo ogni lezione con la preghiera. In seguito questa mano lavora come se fossimo nati per scrivere icone - assicura il partecipante.
I laboratori attirano anche persone esperte nell'arte di scrivere icone. - Impareranno un approccio leggermente diverso, uno stile diverso dell'icona. A Licheń, come unico centro in Polonia, insegniamo la scrittura di icone copte - sottolinea il signor Zapora, aggiungendo che l'argomento non è stato ripetuto durante nessuno dei workshop. Anche se il mandillion è stato affrontato per la seconda volta, è stato scelto un tipo diverso di questa performance.
Partecipanti all'11° Laboratorio di scrittura di icone, Licheń, 25-28 novembre 2021.
Quando si viene al laboratorio, è bene portare con sé apertura, umiltà, pazienza e capacità di ascolto. Avendo queste cose, mentre mostriamo passo dopo passo, da quali pigmenti otteniamo, di che colore, in quali luoghi applichiamo, tutti sono in grado di realizzare questa icona secondo le regole della scrittura delle icone - aggiunge il capo sottolineando l'unicità, atmosfera familiare aperta prevalente in officina.
 
I workshop sono programmati quattro volte nel 2022: 3-6 marzo, 26-29 maggio; 4-7 agosto e 17-20 novembre.
Informazioni: Ufficio di servizio del pellegrino: (63) 270 81 42, lichen@lichen.pl.
            Guarda il reportage sul canale YouTube

Testo: Ufficio Stampa Santuario

Condividi il post