SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Giovedì Santo - Liturgia della Cena del Signore

Entriamo nel Santo Triduo Pasquale. Ci raccogliamo attorno a Cristo, che ci invita a una cena comune per lavarci i piedi e nutrirci con il suo Corpo e il suo Sangue. Oggi ricordiamo anche l'istituzione di due sacramenti: l'Eucaristia e il sacerdozio

La celebrazione del Triduo pasquale è iniziata nella basilica del Lichene con la Messa nella Cena del Signore. La liturgia è stata presieduta da p. Bogusław Binda, MIC, superiore della casa religiosa della Congregazione dei Padri Mariani a Licheń Stary.
Il Triduo Pasquale è il culmine dell'intero anno liturgico. La colletta dell'Eucaristia di ieri spiega che «commemoriamo la Santissima Cena in cui il tuo Figlio unigenito, sul punto di donarsi alla morte, ha lasciato alla Chiesa un nuovo eterno Sacrificio e una festa del suo amore». Durante la liturgia durante l'inno "Gloria a Dio nell'alto dei cieli", le campane suonavano rumorosamente nella chiesa. Dopo di lui, tutti gli strumenti tacquero. Ascolteremo l'organo solo durante la solenne celebrazione della Veglia Pasquale di sabato sera.
La liturgia del Giovedì Santo inizia la celebrazione del Triduo Pasquale

Alla prima Pasqua, Dio comandò a ciascuna famiglia di sacrificare un agnello immacolato e di mangiarne insieme la carne arrostita. Sulla croce, Dio ci ha fornito un agnello: è Gesù Cristo

“Mediteremo la passione, morte e risurrezione di nostro Signore. È un evento di salvezza che dovrebbe darci una fede forte”, ha affermato p. Binda nella sua omelia. Riferendosi ai frammenti della Sacra Scrittura letti durante la messa, ha spiegato il significato dei segni pasquali: “Il sangue dell'Agnello ha protetto dall'Angelo della Morte. Quanto più efficacemente siamo protetti dal Sangue di Cristo sparso sulla Croce! La Pasqua ebraica non si concluse con la morte dell'agnello, ma con la consumazione della sua carne. Gesù diede il pane ai discepoli dicendo: «Questo è il mio corpo che sarà dato per voi: fate questo in memoria di me». Quando mangiamo il Suo Corpo con fede e beviamo il Suo Sangue, la nostra fede ci dà la salvezza. Gesù ci rivolge il suo invito, dicendo: "Restate qui e vegliate con me". Questa liturgia ci invita a guardare più intensamente le mani di Cristo. Le mani che erano così aperte durante l'Ultima Cena. Sono un porto sicuro. Solo il peccato ci separa da loro” – ha detto il superiore, aggiungendo: “Oggi ringraziamo Dio per il suo sacerdote che siede nel confessionale e perdona i peccati con la potenza di Gesù Cristo”.

Il Giovedì Santo è il giorno in cui si ricorda non solo l'istituzione dell'Eucaristia, ma anche il sacerdozio. “Questo tempo santo ci ricorda l'amore sconfinato di Cristo per l'uomo, per tutti noi. In questo giorno così speciale, circondiamo i sacerdoti di fervente preghiera perché possano adempiere fedelmente la chiamata di Cristo”, si legge nel commento alla liturgia. Il commentatore ha spiegato anche il rito del mandatum, ovvero la lavanda dei piedi. Il rito si è svolto dopo la liturgia della Parola. Dodici uomini - rappresentanti di varie classi della Chiesa, i cui piedi sono stati lavati dal presidente della liturgia, simboleggiano la sua unità. Questo segno ci insegna ad amare gli altri come Cristo ci ha amato. “Attraverso il sacramento del Battesimo, tutti noi abbiamo ricevuto una parte nella missione sacerdotale di Cristo”, ha ricordato il commentatore.

Al termine della liturgia del Giovedì Santo, il Santissimo Sacramento è stato trasferito in solenne processione all'Altare dell'Esposizione, che è stato collocato nella parte inferiore della basilica - nella Cappella della Santissima Trinità. Ringraziando per la presenza di Cristo, il suo sacrificio, amore e servizio all'umanità, i fedeli hanno avuto l'opportunità di adorare fino alle 22:00. Dopo la liturgia, l'altare è stato spogliato, simile a un'umiliazione spogliata e completa di Cristo, che calma il Venerdì Santo. L'Eucaristia non sarà celebrata oggi né il Sabato Santo.
 
I Padri Mariani vi invitano a vivere insieme il Triduo Pasquale. Tutte le liturgie saranno trasmesse tramite i social del santuario e sul sito www.lichen.pl.
Si può vedere un programma dettagliato della litugia per ogni giorno qui
Testo e foto: Ufficio Stampa Santuario

Condividi il post