SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Venerdì Santo della Passione del Signore - la croce ci ricorda un grande amore per noi

Il Venerdì Santo e il Sabato Santo sono gli unici giorni dell'anno in cui la Chiesa cattolica nel mondo non celebra la Messa. Il Santo Triduo pasquale, cioè il tempo che va dalla Messa nella Cena del Signore ai Secondi Vespri della Domenica di Resurrezione, è una grande liturgia per i credenti. Il giorno prima la messa non si è conclusa con la benedizione e l'invio dei fedeli, e la liturgia del Venerdì Santo non è iniziata con il segno della croce.

La liturgia in onore della Passione del Signore, che comprendeva la liturgia della Parola, l'adorazione della croce, la Santa Comunione e la processione al Santo Sepolcro, è stata presieduta da p. Adam Stankiewicz, MIC, vice-custode del Santuario dei licheni. La liturgia è iniziata con l'ingresso processionale del presbitero accompagnato dal più completo silenzio. Davanti all'altare, il sacerdote compiva il rito della prostrazione, cioè la caduta con la faccia a terra, che mostra l'umiliazione dell'uomo e il dolore e il dolore della Chiesa.
 "'Ecco l'albero della croce su cui è appesa la salvezza del mondo". Tra un momento accoglieremo la croce che ci unisce durante questa sacra liturgia in onore della Passione del Signore”, ha affermato p. Stankiewicz. Ha fatto riflettere i presenti, chiedersi se la croce non sarebbe diventata un luogo comune nella nostra quotidianità? Quale verità ricorda? “La croce ci parla dell'amore sacrificale e fedele, e ci chiede se anche noi siamo disposti a sacrificarci? Quale sacrificio sto facendo della mia vita? È sempre un sacrificio da parte nostra donarsi agli altri, servirsi a vicenda alla maniera di Gesù», ha sottolineato, spiegando che il sacrificio degli sposi nella vita di tutti i giorni è sostegno reciproco, e il religioso sta donando Cristo ai fedeli attraverso il servizio della loro vita.
Gesù è l'autore della nostra salvezza: il detenuto martire, re dell'universo

Il silenzio all'inizio della liturgia del Venerdì Santo esprime l'abisso tra l'amore di Dio e il peccato umano. Ammettiamo in questo modo che non abbiamo alcuna possibilità né di scusarci con Dio né di farGli ammenda. Possiamo contare solo sulla sua misericordia nell'opera di salvezza di Cristo

“Domandiamo della fedeltà nel matrimonio, nella famiglia, nel sacerdozio o nella vita religiosa, ma in primo luogo chiediamo la fedeltà all'amore crocifisso” – ha detto il vicecustode – “Anche la croce è un amore che perdona. Dio non punisce, ma perdona in ogni confessione. Imiterò l'amore che perdona? Oggi il mondo ha bisogno di testimoni dell'amore della croce che Gesù ci insegna. Chiediamogli il dono del perdono per coloro che peccano” – ha rimarcato la mariana che le parole devono essere seguite dai fatti.
Durante la preghiera dei fedeli del Venerdì Santo, che racchiude le intenzioni di tutto il mondo: incl. Papa, vescovi e sacerdoti, credenti, ma anche non credenti o malati e sofferenti, quest'anno hanno pregato per la pace anche in Ucraina: esuli, alle famiglie separate e ai bambini orfani, donateci cuori sensibili ai bisogni dei nuovi arrivati. Per Cristo nostro Signore”.
“La Parola di Dio ci ha illuminato, segnato dalla croce del Signore nel giorno del nostro battesimo. Pertanto, ora chineremo i nostri capi davanti a Lui. Iniziamo ora la seconda e più importante parte della liturgia, l'adorazione della croce. Grazie a Cristo, la croce ha cessato di essere un segno di morte vergognosa ed è diventata un segno di salvezza ", ha spiegato il commentatore.
Dopo l'adorazione della Croce e la Santa Comunione, l'ostensorio con il Santissimo Sacramento è stato trasferito al Santo Sepolcro nella basilica inferiore, nella cappella dei 108 martiri della seconda guerra mondiale. Amari Lamenti sono stati recitati davanti al Santo Sepolcro. Cristo è stato adorato anche dagli amici dei Vigili del Fuoco Volontari Grąblin, che hanno accompagnato l'intera liturgia del venerdì.
Testo e foto: Ufficio Stampa Santuario

Condividi il post