SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

24. Giornata nazionale dell'ebraismo nella Chiesa cattolica in Polonia

Fedeli alla Chiesa cattolica pregano affinché il dialogo tra cristianesimo ed ebraismo sia segnato dall'amore, dal perdono e dalla ricerca di vie reciproche.

P1330019

Santa Messa davanti al Quadro Miracoloso della Madonna di Licheń a 12.00 è stata celebrata il 16 gennaio da p. Janusz Kumala, MIC, custode del santuario dei licheni. L'Eucaristia è stata celebrata secondo una Messa sulla Beata Vergine Maria, la figlia eletta d'Israele.

Nell'omelia, il curatore del santuario ha sottolineato che, sebbene la giornata del dialogo tra la Chiesa cattolica in Polonia e l'ebraismo abbia suscitato sin dall'inizio diverse emozioni, l'intenzione della Conferenza episcopale polacca è stata quella di richiamare l'attenzione sui legami tra i due denominazioni. - Nella prefazione ascolteremo le parole affinché tutti i popoli sappiano che la salvezza viene da Israele. Queste parole ci ricordano chiaramente che Israele, il popolo eletto, è presente nel piano di salvezza di Dio, ha affermato p. Kumala, ricordando che il lungo processo di rivelazione e la Buona Novella sul Messia è stata trasmessa da Dio attraverso il popolo ebraico, che non solo è stato scelto, ma anche amato da Dio. 

Possiamo guardare alla storia del difficile e doloroso rapporto con la nazione di Israele in diversi modi. Ma prima di tutto, dobbiamo guardare dalla prospettiva di Dio, come vede le persone che ha scelto? Quando fa un dono, Dio non si sottrae mai alla sua decisione. Non infrange mai il Patto. Il grande dramma è che non tutti i membri del popolo eletto hanno accettato il Messia, sebbene si applichi anche ad altri popoli... I fedeli lasciano la Chiesa, vogliono rompere con Dio. È il dolore di Dio. Tuttavia, non possono abolire il sacramento del battesimo, Dio sarà ancora fedele a questa alleanza e aperto all'uomo. Dio sta facendo di tutto anche perché Israele accolga il Messia, perché vada verso la salvezza.

FR. Janusz Kumala, MIC, 16 gennaio 2021 Tweet

Quando consideriamo le relazioni dei cattolici con l'ebraismo, è importante, in primo luogo, conoscere se stessi, ad es. tradizioni, qual è la fonte del cristianesimo. - E, soprattutto, prega perché il popolo eletto sia fedele all'alleanza che ha stretto con Dio - ha proseguito p. Kumala. - Abbiamo molti problemi nei nostri rapporti con il popolo eletto, ma questo non è un motivo per non superare queste difficoltà. Bisogna guardare con gli occhi di Dio, che vuole salvare ogni persona e ha mandato il Messia attraverso il popolo eletto. Cristo, un pio ebreo che a quel tempo seguiva tutte le tradizioni dell'ebraismo, è colui che ha portato la salvezza a tutti i popoli. Confidiamo che Dio abbia ancora il suo progetto per la salvezza del mondo intero - disse il parroco curatore. - Tutti abbiamo bisogno di Gesù, tutti abbiamo bisogno di guarigione. Oggi preghiamo per la presenza di Cristo medico, per noi e per il popolo eletto. Preghiamo affinché il rapporto tra ebraismo e cristianesimo sia segnato dall'amore, dal perdono e dalla ricerca reciproca, perché tutti andiamo in paradiso - finito.

Condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
X