SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Giornata di preghiera per insegnanti, educatori e catechisti

- Ci apriamo a Dio per ispirare gli altri e dare speranza - ha detto p. Robert Krzywicki, MIC, il 20 settembre, durante la giornata di preghiera per insegnanti, educatori e catechisti presso il Santuario di Nostra Signora di Licheń, Regina Addolorata di Polonia.

La penultima domenica di settembre, durante la Messa di mezzogiorno. Diverse migliaia di fedeli nella basilica del Lichene hanno chiesto i doni dello Spirito Santo per tutti coloro che vegliano sull'educazione dei bambini e dei giovani, perché sostengano sapientemente le giovani generazioni nel loro sviluppo spirituale e intellettuale. L'Eucaristia è stata presieduta da p. Robert Krzywicki, MIC, direttore del Centro Licheń per l'assistenza alla famiglia e alle persone tossicodipendenti presso il Santuario di Nostra Signora di Licheń. Quel giorno era anche la 54a Giornata delle Comunicazioni Sociali. Giornalisti e operatori dei media sono stati circondati dalla preghiera in modo che potessero trasmettere la verità nell'amore.

Nell'omelia il regista ha fatto riferimento alla parabola degli operai della vigna tratta dal Vangelo secondo S. Matteo. - Il mio e il tuo dramma è che siamo guidati nelle nostre vite pensando che ciò che abbiamo non è il migliore, che meritiamo qualcosa di meglio. Ci confrontiamo con gli altri. Queste sono le conseguenze del peccato originale che ci privano della gioia di vivere - ha affermato p. Robert Krzywicki, MIC. - Dio è diventato l'asse della nostra vita affinché possiamo imparare a essermi grati per ciò che abbiamo e condividere con gli altri. (...) Che percepiamo la vita e tutto ciò che abbiamo come un dono di Dio e lo cerchiamo come un tesoro nascosto - ha detto. Ha anche ricordato la sua esperienza di pastorale in Bielorussia, dove ha preparato bambini, adolescenti e anziani a ricevere la Prima Comunione. Spiegò che Dio voleva un cambiamento di vita e una salvezza per tutti, indipendentemente dall'età, così come gli operai ricevevano il salario, anche se alcuni lavoravano nella vigna solo per un'ora. - È importante godere della vita e della salvezza e allo stesso tempo essere amichevoli verso le altre persone. (…) Le parole che rivolgiamo agli altri portano la vita o la morte. Possono ispirare, ma anche estinguere - ha sottolineato, riferendosi all'importante ruolo degli insegnanti, degli educatori e di tutti gli educatori. - Hanno bisogno del nostro sostegno per poter dare le ali a una nuova generazione. Che i giovani vivrebbero la vita al meglio e si prendessero cura l'uno dell'altro, ha detto. Nelle loro preghiere i celebranti hanno anche ricordato la difficile situazione in Bielorussia.

Condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
X