SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Una giornata con Bl. Marianna Biernacka - Giornata di preghiera della suocera e della nuora

Una giornata con Bl. Marianna Biernacka, la Giornata di preghiera della suocera e della nuora, è diventata un momento di preoccupazione per le relazioni familiari e il riconoscimento delle vocazioni nel santuario di Licheń

Beata Marianna Biernacka (1888-1943)
 
La beata Marianna, una delle 108 martiri della seconda guerra mondiale, diede la vita per la nuora Anna, che, in avanzato stato di gravidanza, fu fatta fucilare durante la pacificazione di Lipsia da parte dei tedeschi.
Questo gesto spontaneo della Beata fu una conseguenza di tutta la sua vita di fede. I suoi parenti hanno ricordato la sua immagine di donna molto pia. La nuora che ha salvato ha detto che ha imparato a pregare con le sue canzoni.
La beata Marianna Biernacka è la patrona della suocera, ma la sua intercessione è invocata anche dalle donne in stato beato e dalle vedove.

Durante la Messa di mezzogiorno. FR. Janusz Kumala, MIC, curatore del santuario di Lichen, ha sottolineato che tutti hanno ricevuto una chiamata da Dio, non solo un sacerdote o un medico, ma anche suocera e nuora. - Dobbiamo adempiere ai compiti che Dio ci dice di fare nella vita di tutti i giorni - ha detto p. Kumala ha poi presentato la storia dei beati.

Marianna ha perso i suoi genitori da piccola. Dopo essersi sposata, ha lavorato in una fattoria. Nella vita di tutti i giorni, era caratterizzata da pietà e gentilezza. Durante la seconda guerra mondiale, Marianna, già vedova, viveva con il figlio Stanisław e la nuora Anna.
Aveva solo 55 anni quando i tedeschi arrivarono a casa loro la mattina del 1 luglio 1943. La Gestapo ha cercato vendetta per l'uccisione di un soldato tedesco da parte dei partigiani. Sono state emesse condanne a morte di massa contro gli abitanti di Lipsia e della zona circostante. L'elenco dei condannati alla fucilazione include anche il figlio di Marianna, Stanisław e sua moglie. Stavano aspettando che nascesse un secondo figlio.
Marianna cadde senza esitazione ai piedi del tedesco e lo pregò di prenderla al posto della nuora. Il capo del villaggio, che era presente nella situazione, tradusse e il tedesco acconsentì. Stanisław e Marianna furono presi e fucilati poco dopo. Anna è rimasta a casa con il suo bambino non ancora nato e sua figlia di due anni, Gienia.

Nell'omelia, il curatore ha notato che un simile gesto di sacrificio era insolito e insolito. Provoca una riflessione sul rapporto suocera-genero non solo nel contesto della vittima, ma anche nella vita quotidiana. - Sto dando la vita per mia nuora adesso? Posso servirla gentilmente, ho capito, sopprimere il rapporto tra mio figlio e mia nuora? - chiese l'omileta.

Anche le nuore incoraggiate a considerare se potevano accettare l'aiuto della suocera, il suo amore materno?

Tutti si sono riuniti alla Santa Messa. sono stati invitati a riflettere sulla loro vocazione. - Ci sembra che la santità non sia per noi, anzi: consiste nel realizzare la nostra vocazione. È importante vivere nell'amore di Dio e compiere i doveri per amore dei propri cari - ha detto p. Janusz Kumala. Ha incoraggiato l'uso del sacramento della penitenza e della riconciliazione e l'incontro con Cristo nell'Eucaristia. - Se irradiamo amore e gentilezza, mostriamo Dio. Dobbiamo testimoniare la Buona Notizia - disse il celebrante.

FR. Janusz Kumala, MIC, curatore del santuario, 11 luglio 2021

Marianna Biernacka il 13 giugno 1999 è stata beatificata da S. Giovanni Paolo II nel gruppo dei 108 martiri della seconda guerra mondiale. Il luogo del loro culto si trova nella nostra diocesi nella cappella della basilica inferiore di Licheń, dove ogni sabato, prima del 13 giugno, si svolgono celebrazioni nazionali in loro onore. La beata Marianna Biernacka è la patrona della suocera, ma la sua intercessione è invocata anche dalle donne in stato beato e dalle vedove.

Oprawę muzyczną Mszy św. zapewnił zespół wokalno – instrumentalny sanktuarium „Galilea”.

Testo e foto: Ufficio Stampa Santuario

Condividi il post