SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

28° Incontri Nazionali di Sobrietà "Animati dalla Parola" a Licheń

Nel santuario di Licheń si sono svolti altri 28 incontri nazionali sulla sobrietà polacca "Animati dalla parola". Durante gli incontri e gli incontri notturni, le persone alle prese con varie dipendenze hanno avuto la possibilità di sperimentare la forza di stare in comunità e ascoltare le testimonianze di chi oggi si regge con le proprie gambe.

Grazie, Madre, per avermi aiutato a riprendermi dalla sbornia ea vivere. Prima era un tormento, una tortura. Non potevo credere di non poter bere

Da sinistra: p. Zbigniew Borkowski, MIC, p. Marek Dziewiecki, Rafał Porzeziński

28. Gli incontri sulla sobrietà a Licheń sono iniziati il 23 luglio di quest'anno. conferenza a 15.00 con la partecipazione di p. Marek Dziewiecki e la comunità dei "sopravvissuti". L'incontro nella sala conferenze della Casa del Pellegrino "Betlemme" dal titolo "Come amare una persona dipendente?" è stato presieduto da Rafał Porzeziński. Alla conferenza hanno partecipato anche il Direttore del Centro di Aiuto alla Famiglia e ai Tossicodipendenti di Licheń, p. Zbigniew Borkowski, MIC.

Grazie a Dio posso essere sobrio...

La seconda giornata degli Incontri è iniziata con la Via Crucis a 9.30. Durante il servizio, persone provenienti da contesti di sobrietà hanno condiviso le loro testimonianze e riflessioni: “Grazie, Madre, per avermi aiutato a riprendermi dalla sbornia ea vivere. Prima era un tormento, una tortura. Non potevo credere di non poter bere". “Sono venuto a ringraziarti per qualcosa che non ho potuto fare per 40 anni. Grazie a Dio posso essere sobrio. Vale la pena essere sobri. È una vita completamente diversa, forse non sempre un letto di rose, ma è bella. Vorrei morire sobrio. Il servizio è stato presieduto da p. Stanisław Kowalski.

Benvenuto a casa ...

“Quando ti vedo, il mio cuore si rallegra che c'è speranza, che c'è vita, che c'è forza, potenza! Uno è il supporto per l'altro. Benvenuto a casa!" - disse p. Zbigniew Borkowski, MIC, Direttore del Centro Licheń per l'assistenza alla famiglia e alle persone dipendenti, apre ufficialmente quest'anno gli Incontri sulla sobrietà a Licheń.
“Questo incontro è un segno speciale di un desiderio realizzato per la libertà. La tua presenza è un segno per tutta la Polonia. Ci vuole un segno forte per infondere la speranza che ci sia libertà, una vita migliore e diversa e una persona felice". - disse p. Janusz Kumala, MIC, Custode del Santuario dei licheni.
È tradizione degli Incontri Nazionali sulla Sobrietà di Licheń assegnare il premio "Pellicano" per aver contribuito a far riflettere gli altri. Secondo le credenze medievali, una femmina di pellicano avrebbe dovuto strapparsi il seno con il becco e nutrire i suoi pulcini con il suo sangue nei momenti di fame, quindi i pellicani erano considerati un simbolo di sacrificio e di dare vita agli altri. 
 
Il vincitore di quest'anno del premio "Pelican" è stato p. Marek Dziewiecki - sacerdote della diocesi di Radom. La statuetta è stata presentata da p. Janusz Kumala, MIC, Custode del Santuario di Licheń.
 
Padre Marek Dziewiecki è un dottore in psicologia, insignito della Medaglia della Commissione Nazionale per l'Educazione. È anche autore di oltre una dozzina di libri nel campo della psicologia dell'educazione, della preparazione alla vita familiare, della prevenzione e del trattamento delle dipendenze, nonché di registrazioni, trasmissioni, articoli che trasmettono la verità su un Dio amorevole.
 
“Ha scritto la sua interpretazione di questo percorso in 12 passi che tutti noi amiamo. Così profondo che anche chi lo conosce molto bene si rallegra di quanti fili in più hanno trovato nel suo racconto intitolato La via dei vincitori”- ha affermato Rafał Porzeziński, sottolineando il contributo di padre Dziewiecki alla creazione della comunità sopravvissuti alla TVP e S. I 12 passi di Giacomo per i cristiani
Il sacerdote premiato è anche fondatore e direttore della linea di assistenza "Linea dei cuori fraterni" di Radom, che da oltre 20 anni aiuta migliaia di persone ogni anno.
 
 
Il vincitore del premio "Pelican" nel 2021, p. Marek Dziewiecki

Per chi è partito per l'eterno incontro...

La messa è prevista per le 14:00 Durante la messa celebrata nella Basilica della Beata Vergine Maria di Licheń, si è pregato per l'intenzione dei defunti provenienti dai circoli della sobrietà che "partivano per l'eterno incontro". La liturgia è stata presieduta da p. Zbigniew Borkowski, MIC, direttore del Centro assistenza Licheń. "Guardano dalla prospettiva dell'eternità e noi siamo venuti per trarre nuova forza" - disse la mariana nell'omelia. “Non sprechiamo la nostra vita, lasciamoci animare dalla Parola di Dio! Tutto è nelle nostre mani finché viviamo, possiamo essere grano, non erba. Siamo inestimabili agli occhi di Dio, tutti sono amati da Lui!”
FR. Zbigniew Borkowski, MIC, Direttore del Centro di sostegno familiare e delle persone dipendenti a Lichen Stary

C'è sempre speranza per un cambiamento...

FR. Mons. Tadeusz Bronakowski, presidente dell'Equipe per l'Apostolato della Sobrietà e dei Tossicodipendenti
Eucaristia serale alle 19.00 è stata presieduta da p. Mons. Tadeusz Bronakowski, presidente dell'Equipe per l'Apostolato della Sobrietà e dei Tossicodipendenti.
 
I pellegrini radunati sono stati accolti da p. Janusz Kumala, MIC, a dirlo “La Polonia ha bisogno del lichene, almeno per un giorno all'anno. Questa convinzione si riflette nella presenza odierna di tanti tossicodipendenti, delle loro famiglie e amici al Santuario Mariano di Licheń Stary, al quale i fedeli aspirano e al quale ritornano”.
 
Nella sua omelia, il vescovo Tadeusz Bronakowski ha incoraggiato a rimanere con Dio. Secondo il vescovo, lo slogan di quest'anno degli Incontri sulla sobrietà di Licheń "ravvivato dalla parola" si inserisce perfettamente in questa decisione - “L'obbedienza alla Parola di Dio porta la vita. Rifiutare la Sua Parola è la via della morte" - disse il gerarca.
 
Parlando del programma di 12 passi, ha sottolineato che era radicato nel Vangelo, e solo il numero simboleggia la perfezione e mostra lo scopo dell'esistenza umana.
Mons. Bronakowski ha anche espresso grande gioia per il fatto che i sacerdoti mariani che prestano servizio nel santuario di Licheń si siano impegnati a organizzare un progetto così grande come gli Incontri Nazionali sulla Sobrietà.
Il presidente dell'Equipe per l'Apostolato della Sobrietà e Tossicodipendenti ha ricordato anche la figura del card. Stefan Wyszyński, la cui beatificazione posticipata sarà celebrata quest'anno, ha affermato di essere stato un grande sostenitore della sobrietà.
 
Durante la Messa serale. 28 coppie hanno celebrato gli anniversari di matrimonio e rinnovato le promesse matrimoniali.
 
 
Prima della fine dell'Eucaristia, è stato annunciato lo slogan degli Incontri Nazionali sulla Sobrietà del prossimo anno: "CERCHI E AMATI". Dopo la Messa Gli incontri individuali sono ripresi in vari punti del santuario dei licheni, che sono durati fino a tarda notte. Durante gli incontri, i tossicodipendenti potevano acquistare letteratura professionale presso gli stand situati nella piazza dietro la basilica, all'ingresso del museo. FR. Józef Jarzebowski.
 
Il 28° Incontro Nazionale Polacco sulla Sobrietà si è concluso con la Messa della domenica mattina. a. 7.30, a seguire incontro con p. Marek Dziewiecki - una conferenza intitolata "Non c'è fine a questo, il che significa che c'è sempre speranza per il cambiamento".

Testo e foto: Ufficio Stampa Santuario

Condividi il post