SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Pregavano per i morti nell'ospizio

Famiglie, amici e dipendenti dell'ospizio di Licheń hanno pregato durante la Santa Messa. 12 dicembre nella basilica inferiore per 108 pazienti deceduti passati al Signore nel 2020.

Come ogni anno, la Messa. è stato preceduto da una proiezione di diapositive con i nomi delle persone morte nell'Ospizio. Stanisław Papczyński, MIC di Licheń. - Questo è un momento importante perché possiamo pregare insieme alle famiglie. Un ospizio è una casa, una comunità di persone: personale medico, operatori amministrativi, cappellano, volontari e famiglie. Siamo molto vicini ai malati e ai loro parenti, per questo la Santa Messa annuale. è un momento molto toccante per noi. Ricordiamo le persone di cui ci siamo presi cura durante l'anno - afferma Urszula Kulig, coordinatrice dei volontari presso l'ospizio di Licheń.

Dopo la preghiera "Eterno riposo...", l'Eucaristia è iniziata da p. Jarosław Hybza, MIC della comunità lichenica dei sacerdoti mariani. - Ciao famiglia, parenti e amici del defunto. Grazie per il bel dono della loro vita, grazie che abbiamo potuto accompagnarli nel loro pellegrinaggio terreno alla casa del Padre. Crediamo che Cristo, che ha vinto la morte, il peccato e Satana, è presente in mezzo a noi, e che la sua casa è aperta a tutti noi, si è rivolto ai presenti Mariani.

Ogni partecipante ha avuto l'opportunità di andare al sacramento della confessione e ottenere un'indulgenza plenaria a condizioni ordinarie, che poteva offrire per l'anima di una persona cara defunta. Fr. Hybza ha ricordato che la preghiera più potente è la Santa Messa, il dono più potente per i defunti è l'indulgenza plenaria e che è la persona che decide dove vuole andare dopo la morte. - Nella Bibbia, la morte è presentata come un sogno, uno stato di addormentamento, e il cimitero come una camera da letto dove le persone riposano e aspettano la risurrezione, risvegliandosi a una nuova vita. La misericordia verso gli altri, l'amore umano e l'umiltà mostrano già che il paradiso è in noi e lo condividiamo con gli altri - la mariana ci ha incoraggiato a ricordare i morti per un anno intero. - Auguro per me e per voi che la nostra fede e il nostro amore per Cristo siano sempre più profondi. Possano noi vivere già qui in paradiso e condividerlo con gli altri.

Dopo la Santa Messa c'era una fiera di Natale, durante la quale era possibile acquistare gli addobbi natalizi preparati dai volontari dell'ospizio del lichene. Il reddito va al Lichen Hospice. 

Condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
X