SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

Festa di Nostra Signora, Regina di Polonia

Nel santuario di Licheń incontriamo Maria, che veneriamo come la Regina Addolorata della Polonia... questa piccola immagine della Madre di Dio, che fissiamo, secondo la tradizione, è presente nella nostra terra dal 1836. Poi la minuscola l'immagine della Madre di Dio era nella casa del fabbro Tomasz Kłossowski a Izabelin. Fu Izabelin il primo luogo ospitale per l'immagine della Madre di Dio. Il pio fabbro non lo tenne per sé, ma sotto l'influenza di una malattia, vivendo la morte imminente, udì una voce interiore portare l'immagine in qualche luogo pubblico, affinché anche altri potessero adorare la Madre di Dio attraverso questo Immagine.

Fr. Janusz Kumala, MIC, 3 maggio 2021

"Nella festa di Nostra Signora, Regina della Polonia, tutta la nostra Patria guarda a colei che è la nostra Regina" - disse p. Janusz Kumala, MIC, custode del Santuario dei Licheni durante la Santa Messa principale nella basilica a 12:00, 3 maggio 2021

Nel 1656 il re Jan Kazimierz affidò il nostro Paese alla protezione della Madre di Dio, eleggendola Regina di Polonia - ha spiegato p. Kumala inizia la liturgia solenne. Papa Giovanni XXIII ha annunciato la principale Patrona del Paese, la Beata Vergine Maria, Regina della Polonia. Nella 230a adozione della Costituzione del 3 maggio, a Licheń, la gente ha pregato affinché i polacchi, guardando l'esempio di Maria, compissero umilmente la volontà di Dio e servissero la causa di Cristo sulla terra. Il 3 maggio è stata celebrata anche la Giornata di preghiera per l'emigrazione polacca: nella basilica si sono pregati anche i polacchi sparsi in tutto il mondo. Anche le autorità statali sono state ricordate e hanno chiesto che il loro servizio alla nazione e ad ogni persona contribuisse alla pace nel mondo e nella Patria.

- “Oggi, in tutti i santuari della nostra Patria, i fedeli si riuniscono per ringraziare Cristo di avere una Madre. Rendiamo grazie per Maria, per la sua partecipazione all'opera della redenzione, per la presenza nella vita della Chiesa e, come polacchi, per la presenza nella vita della nostra nazione. Nella storia difficile e dolorosa, così come nei momenti gloriosi, è sempre stata ed è con noi per far sì che obbediamo costantemente a suo Figlio” - disse p. Kumala.

Un piccolo dipinto è stato appeso da un fabbro su un pino sulla strada per Lichen. "Possiamo leggerlo simbolicamente" - spiegò l'omelia - “Così inizia il viaggio del dipinto verso il lichene, verso la chiesa parrocchiale del lichene. Il sentiero nel bosco veniva utilizzato dagli abitanti dei paesi circostanti, che accorciavano il percorso per raggiungerlo, tra gli altri la domenica per la Santa Messa a Licheń. Possiamo dire che Maria iniziò ad essere presente nel cammino delle persone che andavano al tempio. Quando il dipinto fu trasferito al tempio parrocchiale (1852) - da allora accolse nel tempio i pellegrini che vennero per cambiare vita, secondo il messaggio di Maria nel 1850. Fu qui testimone, patrona dei mutamenti interni di migliaia di pellegrini che venivano qui dalla metà dell'Ottocento».

"Era il tempo delle partizioni quando la Polonia non era sulla mappa del mondo" - ha aggiunto p. curatore - “Il santuario di Licheń era uno dei luoghi in cui le persone venivano a rafforzarsi nella speranza che la libertà della patria fosse ripristinata. Fu qui che, davanti all'immagine della Madonna del Lichene, i pellegrini vennero a piangere, lamentarsi e gridare per la libertà della Patria. Compresero allo stesso tempo che questa libertà sarebbe venuta se fosse venuta la libertà dei loro cuori. Ecco perché ci sono state molte conversioni, confessioni e preghiere che hanno cambiato il cuore delle persone e la nazione polacca. L'aquila bianca sul petto di Maria indicava che nel contesto della presenza di Dio, la Polonia avrebbe mantenuto la sua identità: essendo vicino a Maria, si poteva sopportare la sofferenza. L'immagine del lichene è l'immagine della Madre Addolorata che sta sotto la croce.

“Possa questo incontro con Nostra Signora di Licheń incoraggiarci ad accogliere Maria nei nostri cuori come l'amata discepola sul Golgota, seguendo il comando del Maestro. Rendila una madre che ci guida nella vita e una Regina che ci ricordi l'obbedienza a suo figlio e vuole che regniamo con lui" - ha incoraggiato p. Janusz Kumala, MIC.

Il 3 maggio, nella basilica, tutte le Sante Messe si sono concluse con una preghiera per la Patria di p. Piotr Skarga:

Dio, Sovrano e Signore delle nazioni, dalla tua mano e disciplina, ti prego non lasciarci andare, e per l'intercessione della Beata Vergine, nostra Regina, benedici la nostra Patria, affinché ti sia sempre fedele, renda gloria alla Tua Nomina e porta i suoi figli alla felicità...

Dopo l'Eucaristia di mezzogiorno, c'è stato un concerto di canti mariani eseguiti da Barbara Kaczor, organista della basilica di Licheń.

Condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
X