SANTUARIO
LA MADRE DEL NOSTRO LICHENE
L'ADOLORATA REGINA DI POLONIA

SCORRERE VERSO IL BASSO

KS. JÓZEF JARZĘBOWSKI

FR. Józef Jarzębowski

FR. Józef Jarzębowski è facile da trovare in ciascuna delle fotografie conservate. L'altezza straordinaria (due metri) faceva sì che la sua figura si ergesse al di sopra delle teste degli altri. È alla sua passione per i collezionisti, all'amore per la patria e alla dedizione al lavoro del suo tutore che dobbiamo una collezione di souvenir nazionali, che compongono la collezione del museo a lui intitolato a Licheń. Riassumendo lui stesso la sua vita, scrisse che doveva collezionare bambini polacchi e souvenir nazionali in tutto il mondo.

Espulso dalla scuola per aver difeso la polacca

Padre Jarzębowski nacque il 27 novembre 1897 a Varsavia. La sua infanzia non è stata facile: prima sono morti i suoi fratelli e quando aveva solo sei anni - suo padre è morto. Poi si trasferì con sua madre a Nowe Miasto nad Pilica. Da bambino era così gravemente malato che "per voto, sua madre lo offrì per servire Dio...".

Nel 1911 fu espulso dalla scuola per aver difeso l'identità polacca. Pertanto, le porte di tutte le scuole dell'Impero russo gli furono chiuse. Con l'aiuto è arrivato oo. cappuccini, che lo aiutarono a raggiungere il territorio della spartizione austriaca, alla scuola dei sacerdoti salesiani di Oświęcim. Aveva una vera devozione per Maria, che considerava sua madre, sull'esempio di Stanisław Kostka. Nel 1916 entra a far parte del Sodalizio Mariano.

Ha scritto la canzone "Blue Let's Roll Out the Banners", che è diventata l'inno dell'associazione in tutto il mondo. Era anche l'inno del Bielany College e del College of Divine Mercy in Inghilterra. Nel Sodalizio incontrò i Mariani, incl. Superiore generale, beatificato nel 1987, p. Jerzy Matulewicz (1871-1927) e p. Leon Kulwieć - il moderatore del sodalizio. Fu Matulewicz che nel 1909 portò alla rinascita della Congregazione dei Padri Mariani, condannata dai russi allo sterminio.

Gli inizi della vita religiosa

Jarzębowski decise di entrare in un ordine indigeno polacco dedicato all'onore della Madre di Dio. Su consiglio di Bl. Padre Honorat Koźmiński nel 1917 scelse i Padri Mariani, i quali, dopo aver espulso i russi da Varsavia nel 1915, rilevarono l'erma post-camaldolese a Bielany vicino a Varsavia.

Nel 1919, a nome delle organizzazioni cattoliche di Varsavia, accolse il generale Józef Haller (1873-1960) proveniente dalla Francia. L'esercito comandato dal generale Haller era chiamato "blu" per via del colore delle loro uniformi. Dopo i combattimenti sui fronti francesi della prima guerra mondiale, le sue unità furono le uniche a rappresentare la Polonia nella parata della vittoria all'Arco di Trionfo a Parigi. 

L'amicizia nata tra il "Generale Azzurro" e p. Jarzębowski sopravvisse fino alla morte di Haller. Nel 1920, il seminarista Józef si unì all'esercito polacco con altri seminaristi per difendere Varsavia dai bolscevichi. Sono stati assegnati al servizio sanitario e hanno curato i feriti per diverse settimane. Nel 1922 emise i voti perpetui. Quest'anno ha anche iniziato a collezionare i primi souvenir. Per fortuna, il giovane seminarista-collezionista entusiasta ha trovato la comprensione dei superiori religiosi. La raccolta è iniziata con alcune vecchie monete, mappe e un autografo di Kazimierz Ujejski.

L'ordinazione sacerdotale di Jarzębowski era prevista per domenica 23 settembre 1923. Sfortunatamente, non fece in tempo ad arrivare da Bielany in tempo alla cappella privata del vescovo di campo Stanisław Gall (1865-1942). Le ordinazioni non hanno avuto luogo e tutto indicava che sarebbero state rinviate per molto tempo. Tuttavia, il diacono Jarzębowski, che aveva una grande devozione per le anime del Purgatorio, pregò per intercessione di Alojzy Sikora - suo amico defunto dai tempi del ginnasio salesiano - e ne fu spinto. Andò dal cardinale Aleksander Kakowski (1862-1938) per chiedere aiuto. La nuova data dell'ordinazione è stata fissata per il 30 settembre. Nelle sue note annotava:

(...) Mi sono affidato alla Madre di Dio, mi sono affidato a lei, chiedendomi di essere un buon sacerdote e di servire il Signore con tutta l'anima, nonostante tutte le delusioni, nonostante il grigiore della mia vita, nonostante tribolazioni e amarezze.

Attività di raccolta

Nel 1923 iniziò gli studi all'Università di Lublino, ma dovette abbandonarli dopo due anni a causa del rischio di malattie polmonari. Successivamente ha iniziato a lavorare come insegnante ed educatore presso il Collegio dei Padri Mariani di Bielany a Varsavia. Ai fini dell'insegnamento, ha iniziato a creare un museo con cimeli nazionali. Vi lavorò con pause per 14 anni, fino allo scoppio della seconda guerra mondiale. Fu insegnante di lingua, storia e religione polacca in varie classi della scuola media, e allo stesso tempo tutor delle classi più giovani del collegio. Si ricordò dei suoi allievi per tutta la vita. Seguì il loro destino, li trovò in tutti i luoghi in cui il vagabondaggio lo aveva gettato.

Fu anche ideatore e custode della biblioteca, che nel tempo ebbe una popolazione di 30.000 abitanti. volumi. Collezionò con passione incunaboli, manoscritti e autografi di importanti polacchi, documenti storici e cimeli che illustravano la storia della Polonia, in particolare le rivolte nazionali. Di conseguenza, è diventato il creatore del museo della scuola. Fino al 1939, furono raccolti la maggior parte dei libri pubblicati in Polonia e all'estero, dedicati alla rivolta di gennaio, e in particolare alla persona di Romuald Traugutt. La raccolta aveva il parere di una delle più importanti fonti di conoscenza sui tempi della rivolta del 1863. Dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale, per ordine dei suoi superiori, lasciò Varsavia e si recò alla casa mariana di Druya. Tuttavia, terminò il suo viaggio a Vilnius, perché allo stesso tempo la Lituania era occupata dai bolscevichi. Affidò alcune delle collezioni del museo ai suoi amici. Ha portato con sé le mostre più importanti, tra cui i cimeli di Traugutt. Durante la perquisizione, si mise gli occhiali di Traugutt sul naso e così li salvò. A Vilnius ha incontrato p. Michał Sopoćka (1888-1975), confessore di suor Faustina Kowalska, che gli parlò della devozione alla Divina Misericordia.

Apostolo della Divina Misericordia nel mondo

Ha servito nel campo di internamento per polacchi a Wiłkomierz. Quando fu chiuso, si trovò per strada, cercò aiuto nel pregare la Divina Misericordia. Il problema dell'appartamento è stato presto risolto. In primavera si recò a Vilnius e nella chiesa di S. Michele, davanti all'immagine di Cristo Misericordioso, ha promesso di diventare un apostolo della Misericordia di Dio nel mondo, se fosse riuscito a fuggire dai bolscevichi all'estero. Contro ogni previsione, il 26 febbraio 1941, partì sulla ferrovia transiberiana per Vladivostok. Ha viaggiato attraverso il Giappone fino agli Stati Uniti, dove ha iniziato a divulgare la Novena alla Divina Misericordia. Presto i Mariani americani si unirono a questo lavoro e il servizio iniziò a diffondersi nel mondo. Ovunque p. Jarzębowski ha parlato della Misericordia di Dio. Affidò alla Misericordia di Dio anche il collegio che fondò per i bambini polacchi in Inghilterra nel dopoguerra.

FR. Józef con il suo allievo Julian Wojtkowski (che in seguito divenne un eccezionale medico-chirurgo). Santa Rosa, Messico 1944-45

Nel novembre 1943 venne in Messico. C'erano orfani polacchi salvati da "terra disumana". Per sette anni ha lavorato con dedizione illimitata al Centro per i rifugiati polacchi di Santa Rosa, e poi all'orfanotrofio per bambini polacchi a Tlalpan. Era un cappellano, preside di un ginnasio, insegnante e una truppa di scout. A quel tempo, non smise di cercare nelle librerie di seconda mano, dove trovò preziosi souvenir legati alla Polonia, incl. Sciabola polacca dai tempi della Costituzione del 3 maggio.

FR. Per tutta la sua vita, Jarzębowski fu affascinato dagli eroi della rivolta di gennaio e dal suo leader Romuald Traugutt. Uno degli amici di p. Jarzębowski ha scritto di lui:

Sebbene fosse vivo e attivo ai nostri tempi, padre Józef non apparteneva alla nostra epoca. Sembra che quelle persone di gennaio fossero molto più vicine a lui, più sue. Si voltò tra loro come tra i vivi, li vide come svegli, resuscitò i loro pensieri e sentimenti, leggendo nelle loro anime come in un libro aperto. Quando ne parlò, più di una volta mi sembrò che lui stesso fosse una delle figure delle scatole di cartone degli insorti di Grottger, e che avrebbe preferito una donna confederata piuttosto che un berretto da prete. Perché nello spirito era proprio come un insorto, e di quegli insorti che non si lasciavano mai spezzare da nessuno.

FR. Alla domanda su come sia riuscito a realizzare così tanti progetti, Joseph ha risposto:

In qualche modo è successo che Dio e le brave persone hanno aiutato.

Aveva amici che si identificavano con la sua missione di costruire un luogo in un paese straniero pieno di storia della Polonia. Aveva anche il dono di cercare oggetti preziosi. È stato in grado di raggiungere le persone giuste e conquistare la loro simpatia per la scuola e il museo. La biblioteca era il suo posto preferito per lavorare e parlare con i suoi alunni. Guardava al futuro di Fawley Court con crescente preoccupazione, come se avesse la sensazione che le sue forze non sarebbero state abbastanza lunghe.

(...) cosa accadrà se mancherò - e l'intero patrimonio museale, che è già una conquista per la cultura cattolica polacca, andrà perduto?

Morì in Svizzera nel 1964. Concluse il suo diario con le parole: 

In una parola, la vita è bella; bella, perché Dio è buono, bella, perché c'è sofferenza per Dio, e bella perché ci sono anime che lo amano sempre più generosamente di me, e ci sono anche anime con cui battersi il petto per invocare la sua abbondante Misericordia.

IN LINEA
CALENDARIO

Novembre 2021

Clicca sull'immagine per ingrandirla
X